Il dramma di Francesca Cipriani e il danno psichico: cosa è successo prima de L’Isola

Il dramma di Francesca Cipriani e il danno psichico: cosa l’e` accaduto prima de L’Isola Francesca Cipriani ha un’ossessione per la chirurgia estetica. Tutti conosciamo il suo strabiliante décolleté ma in pochi sanno che la naufraga de L’Isola dei Famosi ha provato rifarsi anche il lato B. Un intervento ai glutei non riuscito, che le ha causato addirittura un danno psichico. È la madre dell’ex pupa a rivelare i dettagli di quella terribile esperienza, che fu vissuta dalla figlia come un vero e proprio trauma.

FRANCESCA-CIPRIANI-ISOLA-BOLLICINEVIP-660x400Non solo il seno: Francesca Cipriani si è rifatta anche il sedere (o meglio ci ha provato). A differenza degli interventi per aumentare la taglia al suo décolleté, quello effettuato sul lato B non è andato proprio bene. Anzi, le ha causato addirittura un danno psichico del 6%.

A rivelarlo è la mamma della bionda showgirl, che torna a parlare della figlia, svelando i problemi che questa terribile esperienza le ha causato.
La signora Rita si confida a Nuovo Tv e svela che nel 2010 la bionda naufraga de L’Isola dei Famosi decise di sottoporsi a un intervento di chirurgia plastica per inserire delle protesi ai glutei ma l’operazione non andò a buon fine tant’è che in seguito dovette toglierle.

“Un famoso chirurgo plastico milanese – racconta la madre di Francesca al settimanale- le ha presentato un suo collega sudamericano, che ha inventato una tecnica di incisione tra i due glutei: senza altre cicatrici, mette le protesi sotto il muscolo. Prima il medico l’ha dovuto ricucire: 200 punti di sutura per parte! Poi mia figlia ha aspettato un anno prima di rimettere le protesi per far cicatrizzare bene i tessuti”.

Una vicenda che scosse fortemente l’ex pupa, costretta a non mostrarsi in pubblico per così tanto tempo: “Per lei – ha continuato la mamma – è stato un vero trauma e per questo le hanno riconosciuto un danno psichico. Dopo due anni è stata risarcita dei suoi risparmi, i 60 mila euro che aveva messo da parte per farsi un bel sederino: li ha rimessi in banca”.

Un vero e proprio incubo, insomma, che ha fatto desistere Francesca dal ricorrere nuovamente al bisturi per migliorare questa parte del corpo, che ha imparato ad accettare.

Non è così per il seno: la burrosa naufraga, infatti, ha già annunciato in più occasioni di voler passare dalla settima alla nona taglia di reggiseno. Sarà la prima cosa che Francesca farà al suo rientro dall’Honduras?

Jennifer Lawrence nuda in “Red Sparrow”: “Così ho superato il trauma delle mie foto rubate”

“Ci è voluto un po’ per dire sì ma dopo aver finito di girare mi sono sentita forte”. Jennifer Lawrence è tornata a parlare delle scene di nudo integrale in “Red Sparrow”, thriller di cui è protagonista, in uscita in Italia l’1 marzo. In un’intervista alla tv australiana, l’attrice ha confessato anche: “Non ho dormito la notte prima perché è stato come avere l’incubo di trovarsi completamente nuda in classe”. Intanto all prima del film a New York “incanta” con un incidente sexy…

C_2_articolo_3125611_upiImageppNell’intervista al programma “60 Minutes Australia” l’attrice di “X-Men” e “Joy” ha aggiunto: “Ho capito che c’era una differenza nel farlo con il consenso o senza il consenso così il primo giorno mi sono presentata e l’ho fatto, sentendomi restituire il potere di prendere le mie decisioni. Ho sentito come se qualcosa che mi era stato preso mi fosse stato restituito e l’ho utilizzato nella mia arte”.

La Lawrence ha detto anche di essersi sentita intimidita dal dire sì al film, ricordando come si era sentita dopo essere stata vittima di pirateria informatica nel 2014 quando alcune sue foto intime furono rese pubbliche. “Rubare quelle foto è stata una violenza inaudita – ha detto – mi sono sentita come se mi avesse attaccato tutto il pianeta”.

“Red Sparrow” è diretto da Francis Lawrence, già regista della giovane diva negli ultimi due capitoli di “Hunger Games”. Dominika Erogova è una ballerina russa ingaggiata in un programma di intelligence nel quale viene addestrata per usare l’arte della seduzione e della manipolazione sessuale per incastrare spie. Alla base della storia c’è l’omonimo romanzo firmato da Jason Matthews, che si è dato alla scrittura dopo essere stato per 33 anni agente della Cia.

“Francesca Cipriani subì abusi sessuali a 19 anni”. Rivelazione choc della madre

“Subito dopo le superiori, quando aveva 19 anni, Francesca cominciò a lavorare come commessa in un negozio. Il suo datore di lavoro, che aveva 30 anni e due figli, per lei era come un padre. Una sera, però, si ritrovò da sola con quest’uomo all’interno del negozio. Verso l’orario di chiusura lui la chiuse dentro e cominciò a metterle le mani addosso e la molestò”. Sono le parole di Rita De Michele, mamma di Francesca Cipriani.

3550724_1840_francesca_cipriani_abusiRita De Michele, mamma di Francesca Cipriani, racconta sul numero di Spy in edicola domani, un altro trauma subito dalla figlia, che ha già confessato durante una puntata dell’Isola di essere stata bullizzata: “Alle medie, quando aveva dodici-tredici anni, incontrò dei ragazzini che si approfittarono della sua bontà d’animo.
Io la vedevo sempre triste, si isolava e piangeva spesso. Per un periodo sembrava volesse rinunciare a vivere, aveva cambiato il modo di vestire e andava in giro con un cappellino con la visiera per nascondersi. Insomma, voleva scomparire. Una volta i suoi amichetti le inviarono un messaggino a nome del ragazzo che le piaceva tanto per darle un appuntamento: lei era al settimo cielo e si presentò a questo incontro per conoscerlo meglio, invece una volta arrivata lì trovò il solito gruppo di bulli che la insultarono e la umiliarono.
Non riuscì a smettere di piangere per ore. Anche i suoi attacchi di panico sono sicuramente dovuti alle insicurezze che quegli episodi le hanno creato”.
Francesca è spesso finita sotto i ferri del chirurgo: “Lei dice di sentirsi meglio quando si opera, ma io mi auguro che sull’Isola cambi idea e che torni con più sicurezza verso se stessa. Anche perché a me piace di più così com’è, senza trucco”.

Asia Argento torna in tv, scontro con Luxuria: “Non tuteli le donne, vergognati”

A quasi due mesi dall’intervista a Cartabianca sullo scandalo Weinstein che l’ha vista in prima linea contro l’ex boss della Miramax che ha accusato di stupro, Asia Argento è tornata nel programma di Bianca Berlinguer su Rai3, ospite in studio, ed è stata protagonista di un vivace scontro con Pietro Senaldi, direttore di Libero, e con Vladimir Luxuria, che avevano preso le distanze, con toni più o meno forti, dalla sua denuncia. «Mi chiederete scusa stasera, ci avete ripensato?», ha incalzato l’attrice e regista.

http_o.aolcdn.comhssstoragemidascf0bcc1d310307bfae1feb7f07e49461205755542asia«Non siamo qui per chiedere scusa», ha replicato il direttore di Libero, che alla vicenda ha dedicato un editoriale di Renato Farina intitolato «Prima la danno via poi piangono e fingono di pentirsi». «Era un titolo forte per dare un messaggio forte: non è vero che non si possa dire di no», ha detto Senaldi. In situazioni del genere «non ti viene chiesto se vuoi o non vuoi: gli ho detto mille volte di no, ma lui non si è fermato», ha replicato con forza l’attrice e regista, che ha definito «ignobili» molte cose scritte su di lei.
«Non ho elaborato ancora questo trauma: non mi aspettavo di essere definita prostituta dopo essere stata violentata», ha sottolineato in apertura di puntata. E se la copertina di Time dedicata alle donne che hanno denunciato tante molestie dimostra che si è messo in moto un «processo irreversibile», in Italia – ha sottolineato Argento – questo è successo «molto meno, e questo mi dispiace, mi è mancata la solidarietà delle mie colleghe, e solo in Italia sono stata colpita da insulti».
Molto forti anche i toni del confronto con Luxuria: «Vladimir non me lo aspettavo, ti ho sempre rispettata e considerata una persona sensibile», ha detto Argento con la voce rotta dall’emozione. «Non so se si può comprendere come ci si senta pietrificati davanti a una violenza», ha sottolineato replicando alla critica di aver denunciato solo dopo vent’anni la violenza subita. «Il mio primo istinto sarebbe stato abbracciarti – ha detto Luxuria – ma poi quando ho letto i particolari della festa della Miramax ho pensato che avresti dovuto dire di no». E la Argento: «Svegliati, il mondo non è bianco e nero, ci sono zone grigie, vorrei che ti mettessi nelle mie scarpe, in quelle di una ragazzina di 21 anni: in quei momenti non capivo cosa stava succedendo». E poi, sempre rivolta a Luxuria: «Vergognati! Non puoi difendere le minoranze e poi non essere dalla parte delle donne».
Con una maglietta con la scritta ‘Truth’ («ho raccontato la mia verità»), Asia Argento ha parlato anche del caso Brizzi, sottolineando che «bisogna prendersi cura delle ragazze che, pur non conoscendosi fra loro, hanno raccontato tutte lo stesso modus operandi. Bisogna credere alle donne». Quanto alle critiche per le mancate denunce alla magistratura, «in Italia – ha puntato il dito l’attrice – per denunciare una molestia ci sono solo tre mesi a disposizione, sei mesi per uno stupro. Ma sapete quando ci vuole per elaborare un trauma? E anche la prescrizione del reato è assurda».Convinta che «sarà grazie alle donne che anche Trump cadrà», Asia Argento ha sottolineato di non essersi «mai pentita della sua scelta», e di sentirsi comunque sollevata perché «dallo schifo è nata anche tanta solidarietà».

Savino: “A 7 mesi i medici mi tagliarono per sbaglio un dito”

“Avevo sette mesi, era il luglio del ’68, e invece di prendere peso lo perdevo. Così mi ricoverarono in ospedale”. Inizia così il racconto shock di Nicola Savino, che per la prima volta parla a Verissimo del trauma che gli ha cambiato la vita. “Nel cambiare la flebo, con una forbicina, invece di tagliare solo la garza l’infermiera mi tagliò anche il dito. Cercarono di riattaccarmelo ma non ci riuscirono”, spiega lo speaker a Silvia Toffanin.

nicola-savino-a-verissimoUna confessione che ha lasciato senza parole l’intero studio e la stessa presentatrice. “Per me è stato un complesso per i primi anni di tv, non mi sarei mai sognato di parlarne o di fare vedere la mia mano, tanto che i primi tempi mettevo un arto finto”.
Il conduttore delle Iene ha abbondantemente superato il trauma e ne parla col sorriso: “Io non so perché sto raccontando tutte queste forse mi avete ipnotizzato”. Un’intervista fiume arrivata in occasione dei suoi 50anni e nella quale parla soprattutto del suo grande amore, la radio: “A 16 anni ho capito che sarebbe stata la mia vita. La vera folgorazione è stata capire che avevo quella passione. Tutte le mattine, quando mi metto le cuffie in testa, non mi capacito di come possa esistere un lavoro per cui tu vieni retribuito per ascoltare musica”. Poi il ricordo di sua mamma: “Quando è morta sono diventato uomo, ma grazie a lei ho riscoperto la fede”.

Aurora Ramazzotti: “Michelle Hunziker è un generale ed Eros…”

“Mia madre è un generale, se si arrabbia e mi dà un ordine, non sto neanche a discutere ed eseguo. Mio padre è una persona speciale e sensibile. L’unica volta che si è imposto è stato per una scelta professionale. Aveva ragione”. Aurora Ramazzotti sulle pagine del settimanale Grazia racconta di mamma Michelle Hunziker e papà Eros. E del fidanzato dice…

C_2_articolo_3101467_upiImagepp“So di avere tanto da imparare e non mi tirerò indietro” dice la Ramazzotti. Abituata a essere sotto i riflettori fin da piccola, Aurora racconta anche com’è essere figlia di una mamma così bella: “Io ci sono cresciuta, sono abituata. Ma a 14 anni ho avuto il primo trauma: siamo state paparazzate insieme al mare, avevamo lo stesso costume e i commenti sui giornali non furono teneri: Aurora è più brutta di sua madre. A quell’età non è stata una passeggiata. Lei mi disse: Fregatene. Ma ora, se al mare vedo i fotografi, le dico di allontanarsi da me”.
“Sono figlia di due personaggi conosciuti, l’ho imparato in fretta – confida Aurora – Avevo appena 14 anni quando ho iniziato a usare i social, so che cosa posso pubblicare e che cosa no. Anche i momenti privati che mostro sono scelti”. Dice di non essere gelosa del fidanzato Goffredo Cerza (“Viva a Roma, studia ingegneria, siamo felici”), ma quando vede lui a torso nudo fare palestra in un video social sgrana gli occhi. La madre in un sms le scrive: “Immagino già la tua faccia”. E Lei replica pensanso a Goffredo: “Mia madre mi conosce bene. Sono furibonda”.

Alena Seredova e Buffon: “Così ho scoperto che Gigi mi tradiva”

«Quando l’ho saputo, ho avuto come la sensazione che la mia casa stesse andando a fuoco e istintivamente ho subito portato via i miei figli, dovevo proteggerli». Alena Seredova, ex moglie di Gigi Buffon (i due si erano sposati nel 2011 dopo sei anni di fidanzamento), torna a parlare del tradimento che ha sancito la fine del matrimonio tra la modella e attrice ceca ed il portiere della Juventus e della nazionale. Da quell’unione nacquero due figli: Louis Thomas e David Lee, che oggi hanno 9 e 7 anni.

Alena-Seredova-10Sappiamo tutti come andò: nel 2014 Alena scoprì della relazione clandestina tra Gigi e Ilaria D’Amico. «Lo scoprii proprio da voi», confessa la Seredova in un’intervista a ‘Chi’. Ricordi dolorosi: «Forse, per come sono fatta, finsi che non c’era nessun problema, perché temevo le conseguenze per i miei figli. Non si può negare che loro abbiano vissuto un vero e proprio trauma in quel periodo. Oggi sono una mamma separata che deve fare i conti con una famiglia allargata: i problemi ci sono, dire cose tipo ‘andiamo tutti d’accordo’ per me è una balla colossale».
Oggi Alena ha ritrovato la felicità con Alessandro Nasi, ma non dimentica i momenti più difficili: «Sono una persona irritabile, ma per me è finito tutto lì. Allora ero una persona molto più nervosa di oggi, forse perché, col senno di poi, non stavo bene».

Chris Martin e i tormenti d’amore per l’ex moglie Gwyneth Paltrow: “Depressione dopo la separazione”

È dovuto trascorrere un lungo anno di tormenti e depressione prima che Chris Martin riuscisse a metabolizzare la separazione da Gwyneth Paltrow. Malgrado la carriera di successo, lo stuolo di fan adoranti e l’amore dei due figli Apple e Moses, per il frontman dei Coldplay, l’addio alla donna con cui è stato sposato per più di un decennio si è rivelato infatti una sorta di complicatissimo trauma.

chris

Un trauma da cui è riuscito ad uscire gradualmente e che, comunque, ogni tanto torna come il peggiore degli incubi.
“Ci sono ancora molti giorni in cui mi sveglio e mi sento giù”, ha spiegato il cantante al Sunday Times. “Adesso però mi sento meglio, ho trovato gli strumenti per ripartire”.
Era il 2014 quando la coppia annunciò la fine del suo celebrato e chiacchierato matrimonio iniziato nel 2003. La rottura, “un disaccoppiamento consapevole” come la ebbe a definire con un’espressione famigerata l’attrice premio Oscar, arrivò a sorpresa a causa di incomprensioni e divergenze varie: dai mugugni di lui per i tanti impegni lavorativi di lei, che, invece, secondo i soliti bene informati, si sarebbe sentita trascurata, ai differenti punta di vista nell’educazione dei bambini.
In ogni caso, a love story conclusa, i due non si allontanarono mai del tutto: Martin prese casa vicino a quella in cui aveva abitato con Gwyneth e prole, riuscendo a mantenere un rapporto civile con la ex e lasciando sempre una porta aperta per un ritorno di fiamma.
“Puoi diventare aggressivo e darti la colpa, continuare a incolparti – ha aggiunto il trentanovenne artista britannico, che conobbe l’interprete di Shakespeare in Love nel 2002 in occasione di un concerto dei Coldplay -. Oppure puoi mettere te stesso in garage e come si dice “prendere te stesso, ripulire i pezzi e riassemblare il tutto”.
Il cantante ha optato per questa seconda opzione, aiutato anche dalla poesia, quella del persiano Mewlana Jalaluddin Rumi: “La poesia di Rumi ha cambiato tutto: dice che anche quando sei infelice, è un bene per te. Mi ci è voluto un anno. Di depressione e tutto il resto”.
Passato il tempo del lutto, ora il fascinoso Chris si sente un uomo nuovo, a cui la vita, soprattutto sentimentale, ha ripreso a sorridere. Merito di Jennifer Lawrence prima, con cui pare abbia avuto una relazione dopo la fine dell’unione con la Paltrow, e di Annabelle Wallis, trentunenne attrice inglese e sua attuale fidanzata, poi. L’ex consorte, invece, è felice tra le braccia del produttore Brad Falchuk, con cui fa coppia dall’inizio del 2015.
Divisi ma non nemici, Martin e Gwyneth, che hanno divorziato lo scorso aprile, da perfetti genitori modello continuano intanto a frequentarsi come due “fratelli” e a darsi sostegno reciproco anche in campo professionale. Prova inequivocabile di ciò è stata la recente partecipazione della Paltrow ad A Head of Full Dreams, l’ultimo disco dei Coldplay, in cui ha registrato la sua voce in una traccia, Everglow, brano che descrive (guarda tu il destino) la nascita della scintilla d’amore.
“Non penso alla parola “divorzio” molto spesso, non lo vedo così il nostro rapporto – è la chiosa del cantante di Yellow -. È come quando incontri qualcuno, trascorri del tempo insieme e poi le cose continuano ad andare avanti”. E, nella fattispecie, procedono, tutto sommato, nel migliore dei modi.

Fedez picchiato dal suo vicino di casa: “Il rapper teneva la musica troppo alta”

Il rapper Fedez è stato trasportato in ospedale, a Milano, dopo aver litigato col vicino di casa a causa della musica ad alto volume che proveniva dal suo appartamento.

image

Il cantante ha riportato una prognosi di 15 giorni per un trauma alla mandibola, mentre il vicino 10 giorni per un trauma facciale. Secondo quanto appreso, attorno alle 6 di questa mattina, il vicino di 41 anni ha suonato alla porta di Fedez per lamentarsi del volume della festa e in breve la discussione si è trasformata in lite. Ancora da chiarire, però, chi abbia dato il primo colpo.