Lorenzo Crespi: “Sputate in faccia a chi dirà di volermi bene”. La malattia e le accuse alla D’Urso

Seguite su Leggo tutti gli aggiornamenti sull’incredibile vicenda di Lorenzo Crespi. È terribile lo sfogo sui social dell’attore Lorenzo Crespi, che in alcuni post su Instagram ha accusato anche Barbara D’Urso di averlo abbandonato a se stesso. Negli ultimi due giorni, parole al veleno: «Altra nottata al gelo, Siti, giornali, chiacchierano tutti ma qui non è venuto nessuno… Non riesco a lavarmi da 5 giorni, è questa la vergogna vera… Ancora grazie per la vostra vicinanza… e un augurio speciale a tutte le donne del mondo», scrive oggi Crespi sul suo profilo, dopo che ieri aveva scritto un lungo post, corredato dalla foto di un uomo steso nel letto.

c-2-video-444094-videothumbnail (1)«Completamente truffato da una società che lavora per produzioni Rai, totale Emarginazione, abbandono, maltrattamenti – scriveva ieri – Ti fanno vivere in condizioni pietose, da giorni senza luce, senza gas, una malattia ai polmoni, totalmente congelato, abbandonato da tutti… Ultimo la d’Urso, tutti sanno come sto vivendo… Ma se non possono usarmi… Non possono aiutarmi».
Lo sfogo è durissimo contro i suoi ex colleghi: «Io morirò presto e vi chiedo di sputare in faccia a tutti quelli che minimamente in tv diranno che mi volevano bene, che mi hanno aiutato, devo dare via il cane perché non so neanche come comprare il cibo: questa è la realtà che vi nascondono tutti, 4 anni in un’associazione a spaccarmi la schiena non mi hanno neanche garantito per prendere in affitto una casa. E in quest’istante mi trovo così… Testa congelata corpo quasi paralizzato dalle nottate totali all’agghiaccio…».
Poi la speranza, ma anche la beffa: l’unico che lo sta aiutando è il segretario di Forza Nuova, Fiore. «L’unico essere umano che è intervenuto e che sta cercando di aiutarmi in tutti modi anche a farmi tornare a casa. Perché io non posso farlo mi hanno tolto tutto, vi sembrerà strano ma si chiama Roberto Fiore… E allora li capisci come stanno forse veramente le cose».‬

Le Iene, Erica Patti a Nadia Toffa: “Mio marito ha dato fuoco ai miei figli”

Una storia terribile, di violenza casalinga, raccontata da Nadia Toffa a Le Iene. È la vicenda di Erica Patti, una donna vittima di un uomo terribile, il marito Pasquale Iacovone, che nel 2013 Ono San Pietro, nel Bresciano, ha ucciso i suoi figli per vendetta nei suoi confronti per averlo lasciato.

erica_patti_iene_nadia_Toffa_25220627“Prima le ha soffocate – racconta – poi li ha ricoperti di benzina e gli ha dato fuoco”. Dice col cuore in gola Erica che ripercorre i primi anni della loro relazione. “Come fanno a stare ancora con questi uomini, dicevo io ascoltando storie di violenze. Ma io ero uguale. Non sono riuscita a capire il pericolo, sono stata stupida”.

Il momento che le ha fatto scattare qualcosa nella testa fu quando trovò il suo conto svuotato. Lui aveva speso tutto in slot machine. Così ha provato a lasciarlo e lui, in risposta, le ha messo le mani al collo e l’ha spinta contro il muro: “Se mi lasci ti uccido”.
“Da quel giorno ogni discussione mi metteva le mani al collo, per poi chiedermi scusa dopo 2 ore”. Erica non chiede aiuto a nessuno fino a quando non trova la forza di lasciarlo e farsi proteggere dai genitori. Ma da quel giorno la sua vita diventa ancora un incubo peggiore. Non poteva girare da sola e quando lui la trovava le metteva le mani al collo. Così andò dai Carabinieri ma la situazione non cambiò.
“C’erano tanti segnali del pericolo che correvo, ma le forze dell’ordine non mi aiutarono”, denuncia Erica. Poi l’uomo si presenta sotto casa, prende uno dei due figli e minacciandolo gli dice di far scendere la mamma per ucciderla.
Ma lui poteva ancora incontrare i suoi figli e decide di usarli contro la donna: “Ora li porto 15 giorni in vacanza e li ammazzo”. Lei va dai Carabinieri e loro rispondono: “Lui è tutto fumo e niente arrosto”, così i bimbi partono col papà.

Per 15 giorni lei non sente i suoi figli, poi una telefonata con i bimbi che ridevano: “Lui lo ha fatto per dirmi: è l’ultima volta che li sentirai ridere”. A quel punto il terribile doppio omicidio.

Il tribunale di Brescia ha condannato all’ergastolo Pasquale Iacovone: Davide e Andrea avevano 12 e 8 anni. I bambini morirono carbonizzati nell’incendio che l’uomo appiccò nella abitazione dove si trovava. Anche l’uomo restò ferito nell’incendio.

“Io potevo solo ucciderlo con le mie mani e farmi giustizia da sola, ma io non sono come lui”, conclude a Nadia Toffa Erica Patti.

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser da Giletti: “Nessun matrimonio”, poi la terribile gaffe: ecco cosa è successo

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser ospiti a “Non è l’arena” di Giletti su La7. La coppia scandalo del Grande Fratello Vip 2 si è raccontata durante la trasmissione, chiarendo alcuni gossip e parlando dei loro progetti futuri.

3470350_1053_cecilia_e_ignazio_a_non_e_larena_08111111Ovviamente si è parlato dell’ex di Cecilia, Francesco Monte, e l’ex gieffina ha spiegato con chiarezza: «Lasciare uno per mettermi con un altro non penso che fosse una strategia bella. Fino a quando non chiudevo una storia non potevo aprirne un’altra. Mi sentivo ‘sporca’ per questo e non stavo bene. Quando l’ho rivisto nella Casa ho capito che era finita. Forse avevamo dei pensieri diversi per affrontare la vita, io sono molto più libera e forse non mi sentivo più così. Non andava così e l’ho capito dentro».

I due si sono innamorati in casa, ma Cecilia spiega che Ignazio si è comportato da gentleman, restando al suo posto e aspettando che lei facesse chiarezza. Così Giletti mostra le foto dietro la tenda rossa del confessionale e i due replicano: «Quello è stato il nostro primo bacio». Il conduttore torna sulla scena dell’armadio e Cecilia è chiara: «Il pezzo vero non l’hanno mai mandato, hanno mandato un altro con rumori montati. Io ho una dignità, la gente è cattiva e non ha niente da fare», ma poi ammette che c’è stato solo un bacio.

I due precisano che non c’è nessun matrimonio alle porte, il famoso anello di Cecilia è un regalo di Belen, anche sulla possibilità di un figlio prendono tempo.

In collegamento appare anche il padre di Ignazio, il ciclista Francesco Moser, che dà la sua benedizione alla coppia, spiegando che avrebbe evitato la scena dell’armadio ma con non troppa severità. Ammette di non aver seguito molto il programma: «Non c’era niente di trascendentale da vedere, certo io non riuscirei a stare nella Casa per due-tre mesi» e poi conclude con un invito a Cecilia e Belen di andare a lavorare nella sua vigna.

Ai saluti, tuttavia, la terribile gaffe del conduttore Massimo Giletti, che, salutando la coppia, ha confuso il nome di Ignazio, chiamandolo Francesco. Chissà se Giletti avrà confuso il nome del nuovo fidanzato di Cecilia con quello vecchio o se magari, per un lapsus, non abbia scambiato Moser padre con il figlio… Ignazio Moser, tuttavia, non l’ha presa bene, dicendo: “Eh, no, Francesco proprio no…”