Isola, Lele Mora contro Alessia Marcuzzi: “Non sa dove orientarsi, il pubblico lo vede”

“Che Isola è? Un’Isola degli sconosciuti, senza sostanza, tanto fumo e niente arrosto”. Raggiunto da Valerio Staffelli per “Striscia la notizia”, Lele Mora non ha avuto parole buone per “L’Isola dei Famosi”, programma seguito da Leggo.it, né tantomeno per la conduttrice Alessia Marcuzzi: “ La Ventura aveva un passo in più nella conduzione senza nulla togliere alla Marcuzzi che però non sa da che parte orientarsi.

90ec0dd3-933c-4e8c-96a3-3b44d850626b (1)Vedo un’Isola spenta nei contenuti e nella gente capace solo di fare truffette di qua e di là. I telespettatori non conoscono tutte le cose che sono fatte perché non sono montate. Non farebbero il bene del programma”.
A piacergli poco la reazione della conduttrice al caso canna gate: “Non è giusto che la Marcuzzi sbrocchi in quel modo. Avevo paura che le venisse qualcosa con le vene del collo gonfie così. La D’Urso non l’avrebbe fatto, l’avrebbe gestita diversamente. Si sarebbe fatta una risata. Il conduttore deve avere la proprietà del palcoscenico e quest’anno non c’era. Il pubblico lo vede. Non è stata una brava padrona di casa”.

Sarah Nile da urlo, la foto supersexy che cancella ogni polemica

Una foto decisamente sexy per cancellare la furente polemica innescata qualche giorno fa su Instagram: Sarah Nile augura così la buonanotte ai suoi follower.

sarahniledocciahotyachtvideo_640_ori_crop_master__0x0_640x360Il bikini mette in mostra le forme perfette dell’ex gieffina, che aveva un po’ esagerato con un post in cui aveva caricato un’immagine datata di due ex tronisti, Francesco Arca e Cristiano Angelucci, intenti a massaggiare i piedi a un Lele Mora in versione pascià.
In riferimento allo scandalo a luci rosse che ha coinvolto il produttore di Hollywood Harvey Weinstein, Sarah Nile aveva commentato così: «Quelle (le attrici che hanno denunciato il produttore, ndr) almeno lo facevano per un Oscar…». In quell’occasione, la replica stizzita di Francesco Arca non si era fatta attendere.

Lele Mora: “Corona non si è mai drogato, magari prendeva qualche pillolina”

Lele Mora difende Fabrizio Corona. “Io non l’ho mai visto tirare cocaina, anzi, la droga la ripudiava, la sua droga sono i soldi, le donne e il sesso.

mora_corona

Poi magari se lo faceva prendeva qualche pillolina, non so se era Viagra, Cialis o qualcos’altro, ma non ha mai usato cocaina”.Così ai microfoni di ‘La Zanzara’ su Radio 24 ha smentito quanto detto da Fabrizio Corona al ‘Maurizio Costanzo Show’, e cioè che con la droga si era “rovinato la vita”.  ”Secondo me non ha mai usato cocaina, assolutamente no. C’è stato un periodo in cui io ho preferito mollare tutto. Non so se per il dispiacere di non frequentarmi più si è dato alla cocaina, ma lo escludo – continua Mora – Lui è un genio del male. Una persona con tante bellissime idee che però invece che usarle in modo intelligente, le usa in maniera sbagliato”.

Lele Mora contro l’Isola: “Farlocca con gente senza palle. Simona Ventura cortigiana della insipida Marcuzzi”

“Ma come si può permettere che una ex regina della tv italiana si umili e si ‘’prostituisca’’ a simili dinamiche!”. Lele Mora, dall’alto della sua esperienza con i personaggi delle scorse edizioni, dice la sua sull’Isola dei Famosi: “La signora Ventura mi ha fatto pena…anzi tenerezza. Lei o chi per lei non dovevano abbassarsi a tali compromessi.Meglio l’oblio, il silenzio, un velo di dimenticanza che umiliarsi in questo modo. Da regina a cortigiana della insipida Alessia Marcuzzi. Se io fossi stato il suo agente non glielo avrei mai permesso”.
Non mancano giudizi per la Caruso (“Per carità…la Caruso!

lele-mora

Una mia vecchissima conoscenza! Si innamorò (aveva bisogno di visibilità) di un anziano direttore di tg per poi vivere una passione molto libertina con un tal Francesco Arca…ricordo ancora le loro rumorose notti al terzo piano di Viale Monza 9, ex sede della mia agenzia. Ricordo anche una Laura Chiatti indiavolata (era allora la fidanzata di Arca). Se la Bonas non prese una scaricata di botte è anche grazie a me..”) e Cristian Galella: “Io per lui sono come un padre. Ci vogliamo molto bene, il nostro è un rapporto molto intimo. Spero che non sposi quella arpia della fidanzata, una che sta con lui solo per andare in tv e fare un paio d’ospitate l’anno in discoteche di provincia. Io a Cristian voglio assai bene e gli lancio un appello: “Il tuo papà Lele ti sta aspettando…”
Il giudizio però è negativo (“E’ un’Isola farlocca. Con personaggi riciclati. Gente che non ha le palle nemmeno di dire quello che davvero è…! Io tifo per Marco Carta…ma si sa…la carta si incendia davanti al fuoco della passione…”) e sa già chi vincerà: “Lo spagnolo Jonas…i suoi fan hanno comprato fior di call center…un po’ come feci io con Walter Nudo..ricordi?”.

Ana Laura Ribas: “Vi racconto i miei primi 50 anni… senza rimpianti”

Ana Laura, 50 anni sono una tappa importante, cosa significano per te e come sei cambiata?
Agli occhi di tanti sono troppi, ma a me sembrano normali, mi fanno solo pensare che sono molto fortunata. Arrivare con il mio spirito e salute alla mia età è un privilegio da pochi. Non penso di essere cambiata, mi identifico molto con questa citazione che ho trovato su web ‘arrivare a 50 anni ha i suoi vantaggi e svantaggi, non riconosci le lettere da vicino, ma riconosci i coglioni da lontano’…

11017657_402152046623141_686929667_n

Che ricordo hai di quando giovanissima sei arrivata in Italia come modella?
Ero felice da matti… Tutto, proprio tutto, era completamente diverso dal mio Brasile. Non capivo i termosifoni, i cappotti, questo vestirsi e svestirsi. Ho dovuto imparare tutto, persino la tradizione per la tavola, il saper mangiare bene. Ero perdutamente innamorata di questo Paese. Poi c’era Mike Bongiorno che mi ha cambiato la vita…
Tutti ti ricordano a “Ok il prezzo è giusto”, che esperienza è stata per te? Sentì ancora Iva Zanicchi?
Mi divertivo come una pazza, per me era un gioco dove guadagnavo. Iva mi adorava, mi trattava come una figlia ed io ero gasatissima. Infatti, tanta gente mi ricorda sempre per quelle quattro edizioni (dal ’94 al ’98) con Iva e mi fa sorridere, le ragazze mi dicono spesso ‘Mia mamma era pazza di te’ e invece i ragazzi ‘eri il mio sogno erotico’… io scoppio a ridere… Figuriamoci! Ho partecipato ai migliori programmi tv negli anni 90 e primi 2000. Raggiungevamo una audience che oggi se la sognano….
In pochi invece si ricordano che sei stata una delle prime veline, come era allora stare sul bancone di Striscia?
Non ero proprio consapevole di avere il ruolo più sognato di ogni ragazza italiana. Anche Striscia per me era un gioco. Allora le veline erano molto valorizzate, ed io, insieme a Simonetta Pravetonni siamo state le prime veline portatrici sane di un microfono, oggi è molto diverso…
E’ da poco ripartita l’Isola dei Famosi, la rifaresti? Chi è il naufrago che ti è rimasto nel cuore?
E’ stata una delle più belle esperienze della mia vita. Ci tornerei adesso, anche senza telecamere. Mamma mia quanti battibecchi.. Ribas attacca brighe.. lo facevo apposta e ridevo… Alla fine penso con tanto affetto a tutti loro, non ho un naufrago preferito.
Professionalmente parlando cosa ti manca oggi?
Non ho mai preso su serio questo cosiddetto mondo dorato dello spettacolo. Anzi, per me era solo un modo di divertirmi e guadagnare per girare il mondo… Ce l’ho fatta, ho visto quasi tutto il mondo con i miei occhi. Sogno realizzato. Però, una cosa vorrei fare… Il progetto c’è e mi piace molto…
Hai incontrato molte persone nel tuo percorso, che rapporto hai oggi con Lele Mora?
Ho sempre avuto un difetto pazzesco. Confondere affari con affetti. Mi affeziono alle persone, avendo la famiglia lontana ho bisogno di questo. Ho voluto un gran bene a Lele, credevo davvero di essere una sua amica, invece ho scoperto con il senno di poi che così non era. Pazienza, ci sono rimasta male. Ma va bene.
E con Simona Ventura?
Apprezzo molto Simona professionalmente per il suo coraggio di andare come concorrente in un programma dove lei era la regina. Le ho mandato un messaggino facendole gli in bocca al lupo. Anche se sono convinta che sarebbe una grande produttrice, autrice televisiva, lei sa di televisione come pochi. E’ stato come con Lele Mora… Solo che con lei è stato più doloroso il fatto.
Sei innamoratissima di Marco, tempo fa hai detto che lo avresti lasciato perché lo ami troppo, ma siete ancora insieme, cosa è cambiato nel frattempo?
Amo Marco come non ho mai amato nessuno. La nostra storia è una favola, un amore che non si riesce a raccontare, non si può… Troppo nostro. Non è cambiato nulla, penso sempre che la nostra differenza d’età sia contro natura in futuro
Anni fa hai lottato contro una brutta malattia, hai dovuto rinunciare alla maternità, ti manca non avere un figlio?
In verità non ho lottato, l’ho vissuta in maniera difficile ma serena, ripeto, sono una persona fortunata, illuminata. Un’altra verità è che non ho mai avuto l’istinto materno, mai avuto il desiderio di diventare madre. Dove sta scritto che una donna è completa solo se partorisce? Io sono una donna risolta, felice, ed è andata come doveva andare.
Solo qualche mese fa invece hai perso il tuo caro cane Gregorio, come è cambiata la tua vita?
La perdita di Gregorio è stato il dolore più grande della mia vita. E credimi, non è che la mia vita sia stata tutta rose e fiori. Vivere senza il mio Gogó è un martirio per me. Vent’anni insieme al mio bambino, è stata la scelta migliore che ho fatto. Le persone che amano e aiutano gli animali anche grazie ai social capiscono il mio dolore.
Come festeggi questo compleanno importante?
Sono ben 25 anni che non festeggio un compleanno con mia madre e i miei fratelli. Ho pensato che questo giro di boa era una buona occasione per festeggiarlo in Brasile. E poi sentirsi dire dalla propria mamma ‘felice compleanno bambina mia’ a 50 anni non ha prezzo…