Barbareschi a Le Iene: «Asia Argento mai molestata. #metoo? Confermo, sono cretini»

Qualche giorno fa le sue dichiarazioni hanno lasciato l’amaro in bocca a molti e fatto discutere altri: Luca Barbareschi aveva affermato di aver messo sotto contratto il regista Fausto Brizzi, accusato da alcune attrici a Le Iene di averle molestate sessualmente ai casting. Le Iene stesse sono andate a chiedere conto, in un servizio sul più ampio fenomeno delle molestie sessuali nel mondo del cinema, a Barbareschi delle sue affermazioni.

barbareschi le iene metoo mentecatti_11230222In un servizio andato in onda mercoledì sera, l’inviata delle Iene chiede all’attore e produttore perché abbia definito attivisti e attiviste di #metoo «mentecatti». «Confermo, è un movimento per cretini – dice Barbareschi – è giusto denunciare molestie per chi le ha avute davvero. Ma questo movimento è per le attrici ricche, e molte donne ora sono in crisi: perché delle povere disgraziate non parla nessuno».
«Cosa farebbe se ci fosse sua figlia a subire molestie?», le chiede la Iena: «Se mia figlia non si sa difendere, è cretina – continua – Asia Argento non è mai stata davvero molestata». Per la cronaca, Asia Argento su Twitter ha risposto in maniera caustica alle dichiarazioni del produttore: «Chissà quante donne potrebbero raccontare storie su Barbareschi…», ha twittato.

Anna Mazzamauro: “Picchiata sul set, sono stata zitta per paura”

Anche Anna Mazzamauro ha subito una violenza sul set. A raccontarlo è la stessa attrice che sulle pagine del Messaggero parla di quando è stata picchiata ed è stata zitta per paura. Era sul set di Poveri ma ricchi del regista Fausto Brizzi. In seguito a quell’episodio ha riportato danni a un orecchio.

700394c5460EDNmainAnna_Mazzamauro“Quando ho subito una violenza, meglio dire quando sono stata picchiata sul set, sono stata zitta. Per paura. Capisco il terrore che una donna può provare” dice l’attrice. E’ accaduto “poco più di un anno fa – racconta in un’intervista al Messaggero – Ero sul set di Poveri ma ricchi. Stavamo girando e io sarei dovuta entrare in scena mentre gli altri erano tutti insieme ad esultare. Chiesi a Brizzi quale sarebbe stato il mio momento. Mi rispose che, stando dietro la porta, l’avrei capito da sola. Così, tranquillamente mi misi ad aspettare”.
“Una volta entrata in scena ho detto la mia battuta – prosegue l’attrice – Si è sovrapposta a quella di un attore. Che, senza dire nulla, mi ha strattonata e picchiata sull’orecchio. Mi è stato lacerato il menisco dell’orecchio e, da allora, quando sono in casa e non devo recitare sono costretta a portare il bite, una sorta di apparecchio in bocca”.
“Brizzi mi è stato molto vicino. I rappresentati della produzione mi hanno pregato di non far uscire la notizia per non danneggiare il film. Ero umiliata e triste. Sono andata all’ospedale. Mi è stato chiesto dal medico e dall’agente di denunciare ma ho preferito tacere – racconta la Mazzamauro – E la stessa produzione che, adesso, si erge a moralista nei confronti di un autore al quale legalmente non è stato riconosciuto alcun peccato. Quando sono stata picchiata e ho mandato una civilissima ed educatissima lettera per mettere la produzione al corrente di quello che era accaduto non ho ricevuto neppure una telefonata”.
“È stato difficile tornare sul set e lavorare con quell’attore con il quale non ho più scambiato una parola. Ho sempre pianto durante le riprese” ha detto e sulle accuse al regista ha aggiunto: “Sto dalla parte del signor Brizzi”, “perché un processo non c’è stato e le accuse sono finite in un silenzio assordante”.

Barbara D’Urso a Domenica Live: “Miriana Trevisan, ci vediamo in tribunale”

‘Ci vediamo in tribunale’, Barbara D’Urso furiosa con Miriana Trevisan a Domenica Live Barbara D’Urso è furiosa nei confronti di Miriana Trevisan. Tra la conduttrice di Domenica Live e l’ex ragazza di Non è la Rai c’è maretta… Nel corso dell’ultima puntata della trasmissione, la D’Urso arriva fino al punto di minacciare la showgirl di trascinarla in tribunale. Ma quale sarà il vero motivo di questa esplosione? Ecco che cosa è successo…
Durante l’ultima puntata dello show infatti la regina di Mediaset ha deciso di continuare a trattare il caso dei presunti abusi del regista Fausto Brizzi.

15_20171120100202In merito alla discussione è stato citato anche il caso di Giuseppe Tornatore, dunque le dichiarazione sulle presunte molestie sessuali dell’ex velina di Striscia la Notizia, Miriana Trevisan, contro il regista prima e il produttore cinematografico marito di Eva Henger poi. In un’intervista rilasciata a Vanity Fair la donna racconta: “Il produttore, Massimiliano Caroletti, mi diede il tormento per giorni. Io ero sconvolta dalla sua sfacciataggine anche perché stava per arrivare sul set sua moglie, Eva Henger. Lo rifiutai in tutti i modi”. E’ stata proprio quest’ultima, solitamente ospite del salotto della D’Urso, a difendere il marito dalle parole infondate dell’attrice definendo false tutte le accuse mosse da quest’ultima.
Durante il corso della discussione la Henger ha ricordato di come anni fa in un’intervista la Trevisan abbia lanciato anche una frecciatina contro la D’Urso e la Panicucci dicendo:
“Potrei condurre al posto di Barbara D’Urso o della Panicucci, ma in tv sono tutti raccomandati”.
Carmelita a quel punto non ci ha visto più e ha risposto per le rime alla Trevisan che, sebbene fosse stato da giorni preparato il suo incontro in studio con la Henger ha deciso all’ultimo motivo di non intervenire per motivi personali. Barbara dunque non ha potuto trattenere la sua ira nei confronti dell’ex ragazza di Non è la Rai e ha detto:
“Chiedo a Pier Silvio di mettere lei al mio posto, sicuramente sarà molto più brava di me. Credo comunque che Miriana stesse scherzando, non credo che parli davvero di raccomandazioni, perché altrimenti ce la vedremo io e lei in tribunale”.

Le Iene, scandalo Brizzi. Neri Parenti: “Fausto è un amico, ci crederò solo se me lo dirà lui”

Fausto Brizzi, il noto regista italiano, è stato accusato di molestie da almeno dieci attrici anche grazie alle inchieste delle Iene. Anche stasera la trasmissione di Italia Uno ha dedicato un servizio allo scandalo abusi sessuali nel mondo dello spettacolo. Stavolta la iena Dino Giarrusso ha ascoltato il parere di attrici e showgirl affermate. Queste le loro dichiarazioni a riguardo.

3366887_2248_le_iene_brizzi_neri_parentiAlessia Marcuzzi: “Se è successo, Brizzi va punito. C’è una grave patologia che va curata. Le ragazze mi sembravano molto sofferenti, credibili”.
Paola Barale: “Weinstein lo appenderei nudo a testa in giù sul red carpet circondato da maiali come lui. Denunciare gli uomini con atteggiamenti da padroni”.
Cristiana Capotondi: “Con me Brizzi si è sempre comportato da gentiluomo. I giornali non sono i luoghi preposti per fare giustizia”,
Carolina Crescentini: “Tutto ciò fa schifo. Ma non si fanno i provini a casa di un regista”.
Isabella Ferrari: “Non mi è mai successo, c’è sempre stata l’avances. Un mondo che non ho mai conosciuto ma per fortuna è venuto fuori. Il coraggio di queste ragazze è una nuova rivoluzione che può portare altre donne a denunciare abusi. E’ finita l’epoca ‘sì, però'”.
L’ultimo a prendere parola è stato il regista Neri Parenti, che in radio ha dichiarato: “Io una di quelle signorine non le prenderò mai nei miei film”, riferendosi alle due donne che hanno denunciato a viso scoperto Brizzi, l’ex Miss italia Clarissa Marchese e la modella Alessandra Giulia Bassi. “C’è stato un equivoco – ha spiegato il regista -, io sono amico di Fausto, non le credo e quindi persone che per me stanno mentendo non le prenderei. Ci crederò solamente quando Fausto me lo dirà. Se succederà gli dirò che è uno stronzo”.

«Asia Argento teme per la propria vita». Molestie, il papà regista ​Dario a Domenica In: ecco di chi ha paura

“Asia non esce più di casa per paura di agenti israeliani perchè questa è gente che spara, è gente che minaccia, sono persone pericolosissime. Asia teme per la propria vita e teme per quella dei suoi figli, teme i ricatti”. Il regista Dario Argento parla cosi a Domenica In, intervistato da Cristina Parodi sul caso Weinstein dopo la denuncia di sua figlia Asia.

3362545_1733_asia_argento_teme_per_la_propria_vita_molestie_dario_domenica_inE sul presunto ingaggio di agenti segreti israeliani afferma “Sono degli agenti segreti, sono del Mossad che poi è uno dei più crudeli servizi segreti del mondo. Ha paura e ha ragione anche ad averla”. Il regista sottolinea però come Asia, nonostante i timori, non si sia mai pentita di aver denunciato. “Anzi – conclude – è sempre più convinta”.
Molestie, Dario Argento a Domenica In: “Non possiamo immaginare che i maiali esistano solo in America”
“Non possiamo immaginare che i maiali esistano solo in America e noi siamo tutti dei santarellini”. Il regista Dario Argento esordisce così a Domenica In, intervistato da Cristina Parodi dopo la denuncia di sua figlia Asia nei confronti del produttore americano Harvey Weinstein. “Anche in Italia ci sono delle persone che si sono comportate in modo sconveniente, schifoso, più di uno – continua – lo dico perchè lo so, faccio il cinema, vivo in questo mondo, perchè facevo anche il produttore e quindi lo so”. E sui sospetti che hanno recentemente coinvolto il regista Fausto Brizzi racconta: “l’ho conosciuto a Los Angeles, sembrava una persona un pò allegra ma molto simpatica. Fausto Brizzi non c’entra niente, ma queste persone, questi molestatori normalmente nella vita sono persone educate gentili, simpatiche, umane. Fino a quando, ad un certo punto, scatta nel cervello la pazzia del sesso, da serial killer del sesso, una malattia… come Weinstein, che sta in clinica, ma poi per modo di dire, perchè sta in clinica per non essere arrestato”.

Simona Ventura prima dell’Isola dei Famosi: con Fausto Brizzi per lo spot “Pittarosso”

Prima di partire come naufraga nella prossima edizione dell’Isola dei Famosi, Simona Ventura si concede un ultimo impegno sul set.

1529680_4_114924_01-00306484000017h

Simona infatti, complice le prime ore del mattino, è stata fotografata sul set del nuovo spot della marca di calzature e accessori Pittarosso, nei giardini pubblici di Milano. Sul set, a dare consigli alla conduttrice prossima naufraga, il regista (cinematografico) Fausto Brizzi.