Monica Bellucci si confessa a Verissimo: «Nella vita ho avuto fortuna. Weinstein? Le donne devono essere indipendenti»

Monica Bellucci intervistata in esclusiva a Verissimo. L’attrice si racconta a Silvia Toffanin parlando della sua carriera e della sua gavetta molto lunga per diventare attrice, ammettendo di aver avuto anche molta fortuna nella vita.

C_2_articolo_3140769_upiImagepp (1)«Il mio sogno è stato sempre quello di fare l’attrice, ma venendo dalla provincia vedevo molto lontano il mio sogno. Ho iniziato facendo delle sfilate e poi mi sono ritrovata a Milano, per un periodo ho lavorato e studiato, poi la vita mi ha trascinato verso il cinema». Poi Monica aggiunge di aver avuto anche molte difficoltà, ma aggiunge: «Per fortuna, perché quando si diventa donne adulte si è anche frutto delle nostre cicatrici».

Parlando del rapporto con gli uomini specifica: «Sono felice. Dagli uomini ho imparato molto e mi hanno dato tanto. Bisogna sempre avere il coraggio di aprirsi perché, soltanto attraverso le storie d’amore, scopriamo tanto di noi stessi». Sul caso Weinstein spiega: «Noi donne dobbiamo imparare a essere indipendenti e ad avere un rapporto di parità con gli uomini. Questo sta finalmente succedendo. Il passato ci ha incatenato: non avevamo nessun diritto sociale, la nostra forza era solo dentro casa e non era abbastanza. Le ragazze devono liberarsi da certe paure, in particolare da quella di parlare perché temono di non essere credute. A una donna che ha ricevuto una molestia le si chiede ‘Come eri vestita? Ma sei tu che hai provocato?’. Questa paura indotta viene da una tradizione che impone il silenzio: ‘Dovete stare zitte’. Anche io l’ho avuta. Chi non ce l’ha? Dobbiamo insegnare alle nostre figlie il rispetto per se stesse e ai nostri figli il rispetto per le donne».

Poi parla delle sue figlie: «Spero che abbiano delle passioni, qualunque esse siano, anche fare il pane. La cosa importante è fare cose che ci riempiano l’esistenza, che ci facciano svegliare la mattina con il piacere di farle». Come piano b ammette che le sarebbe piaciuto di fare l’ostetrica, o magari di studiare filosogia o psicologia.

La ricerca: per “eliminare” le rivali in amore le donne ricorrono al gossip

3e004602277a9ea70f6c102860819813 (1)Per eliminare una rivale in amore, che sia una minaccia reale o possibile, le donne adulte non esitano a ricorrere al pettegolezzo per “macchiare” la sua reputazione, dipingendola come poco virtuosa, inaffidabile o da evitare. In modo simile alle adolescenti che compiono atti di bullismo. E’ la conclusione dello studio condotto dalla Florida State University e pubblicato sul Journal of Experimental Social Psychology.

«La gente tende infatti a dare più peso e ritenere più veritiere le informazioni negative che quelle positive sul carattere di una persona», rileva Tanya Reynolds, coordinatrice dello studio. La ricercatrice ha condotto cinque studi, in cui ha osservato come le donne tendano a diffondere di più le informazioni negative, anche se possono avere effetti devastanti per la reputazione, su una donna percepita come una rivale, sia perchè effettivamente stia cercando di rubarle il fidanzato, sia perchè è attraente o veste in modo provocante. In particolare si è visto che le donne molto competitive diffondono in modo indiscriminato informazioni negative su altre donne.

E nell’epoca dei social media il pettegolezzo è un’arma molto facile e potente da usare per danneggiare la reputazione di qualcuno. «Lo studio mostra come le donne adulte – continua – si comportino in modo simile alle adolescenti bulle». Questo tipo di rivalità in amore tra le donne non è comunque una novità. In ben 137 diversi tipi di culture nella storia, si è visto che il 91% delle donne competono così per l’amore di un uomo. «Bisogna creare una nuova idea di successo delle donne – conclude – che non sia legata all’avere un uomo o all’essere fisicamente attraente, ma a farle sentire più sicure di sì e puntare su qualità come intelligenza e gentilezza».

Ballando con le Stelle, dopo il ballo tra uomini arriva il ballo passionale tra donne: ecco lo spot H&M

Dopo il ballo tra uomini a Ballando arriva il ballo passionale tra donne: ecco lo spot H&M Selvaggia Lucarelli ironizza su Twitter dopo aver visto lo spot di H&M.

3625216_15_20180323111929A Ballando con le stelle, infatti, Ivan Zazzaroni è stato molto critico sul ballo di Giovanni Ciacci con un ballerino dichiarando che quella non può definirsi una danza: ma ora così dirà dello spot creato dal famoso marchio che punta tutto su un passionale ballo tra donne?

“Marco Ferri cerca donne con i soldi”. Aida Nizar fa uno “show” e attacca ancora il naufrago

«Sono nata per essere qui con te. Dove sta la mia telecamera? La mia personalità è fatta per l’Italia».

Aida-Nizar-e-Barbara-dUrsoEntrata dirompente quella di Aida Nizar a Domenica Live. Più che al ruolo di ospite, la star spagnola sembra volersi candidare alla conduzione del programma di Barbara D’Urso.
Aida Nizar ha partecipato al Gran hermano vip con Marco Ferri, ora all’Isola dei Famosi, e in trasmissione fa nuove rivelazioni sul giovane, rivolgendosi anche direttamente alla madre.
«Io sono qui per farti vedere nuovi aspetti di tuo figlio – dice – Marco è un uomo cui piacciono le donne con tantissimi soldi, è un cagnolino cui piace tantissimo che lo portino a spasso. Marco Ferri non ha testa, si preoccupa solo del suo corpo, è maschilista».
Aida fa un vero show. Chiede la telecamera per sé, pretende silenzio dagli altri, si alza, si sposta nello studio, nonostante la conduttrice la inviti spesso a rimanere seduta in poltrona.
«Io sono il sogno di Marco Ferri», afferma. E aggiunge: «Ha fatto l’amore con un’altra davanti a me». Una “prova”, secondo la spagnola, del sentimento che provava per lei.
Perché ha fatto “l’amore” con un’altra?, le chiedono gli ospiti in studio.
«Perché non aveva altre possibilità».
Gli animi si scaldano subito. Daniele Interrante sostiene che lei sia troppo grande d’età per essere il sogno di Ferri, Aida, piccata, gli risponde chiedendogli se abbia cinquant’anni perché gli vede molte rughe. Il siparietto prosegue. Aida sostiene che Interrante le abbia fatto l’occhiolino e le abbia chiesto il numero di telefono: «Ma tu non sei pronto per una donna come me».
Intervistata da Barbara D’Urso, Aida alza gli occhi al cielo, le mani giunte: «Ringrazio Dio per avere questa intervista, ringrazio Dio per avere questa donna qui».
Si entra poi nel vivo delle dichiarazioni di Aida Nizar sul presunto innamoramento di Marco Ferri e non solo. Aida chiede perché non ci sia il padre di Marco, forse, dice, «anche lui è innamorato» di me.
«La vita è un divertimento ogni giorno». Poi, altri attacchi: «A Marco Ferri non piacciono le persone gay. Io sono stata con lui a Madrid e ti giuro che a lui non piacciono. Io non parlo male di Ferri, io lo descrivo perché sono stata con lui due mesi al reality e ho visto che non è una bella persona, sua mamma lo sa ma è la mamma e non può dirlo, Aida è qui per dirlo».
Poi si passa al “no” che avrebbe detto a Ferri.
«Io sono la donna che ha detto no a Marco Ferri, non è il mio tipo, non è un uomo che mi piace, mi piacciono uomini diversi. Lui voleva una relazione con me. Quella di Marco con la sua fidanzata non era una storia d’amore, era solo per guadagnare soldi. Una storia d’amore la puoi fare con una donna come Aida».
Infine, manda un messaggio direttamente a Marco:
«Capisco che, con Aida hanno buttato via lo stampo, non ce ne sono altre. Marco devi fartene una ragione».

“Isola dei Famosi”, tra i Peor potere alle donne

Le donne dell’Isola dei Famosi sono più combattive che mai. Soprattutto tra i Peor ci sono Morali, Atzei, Capriotti e Mancini molto attive nel gestire la vita del gruppo.

C_2_fotogallery_3085841_9_imageProprio tra le ultime due serpeggia della tensione. “Io penso che Alessia sia una stratega. Siamo in nomination tutte e due quindi vuol far vedere che fa di più, io non ho bisogno di quello” ha detto Cecilia polemizzando con la collega.

Scollature a Sanremo: vince la “V”

Su Michelle Hunziker e sulle quattro donne in gara si è concentrata gran parte dell’attesa per quanto riguarda il look. Loro, consapevoli, hanno fatto del loro meglio: nella gara di seduzione sul palco dell’Ariston, non sono mancare le scollature degne di nota.

C_2_box_54196_upiFoto1FLa prima di Michelle Hunziker, profondissima, a “V”, strepitosa, subito bissata dalla stessa forma dell’abito di Annalisa, ha fatto temere il tris per la Vanoni. Per fortuna, Ornella ha puntato su una scollatura ampia ma non esagerata, sfoggiata con stile. La V si ritrova sull’outfit di Noemi, ma non è stato il punto che ha attratto l’attenzione.

Michelle Hunziker non delude nemmeno con gli altri abiti, spaziando dalla spallina sottile allo scollo all’americana, alle spalle nude dell’ultimo bellissimo outfit, firmato Armani Privé. Sceglie il taglio a cuore Nina Zilli con dettaglio monospalla e Sabrina Impacciatore, dolce e delicata con abito rosso.
Nella gallery il detaglio del décolleté e il nome dello stilista.

“Isola dei Famosi”: maltempo e litigi tra donne, ma il lato positivo resta… quello B

Il clima è teso all’ “Isola dei Famosi”. Le condizioni meteo son inclementi da giorni e tra le ragazze, sull’isola del Peor, sono vere e proprie scintille: Francesca Cipriani, che indossa le sue scarpe col tacco alto, sbotta contro Cecilia Capriotti che le dà del “fenomeno da baraccone”, Rosa Perrotta litiga con Nadia Rinaldi e Paola Di Benedetto non sa da che parte stare. Intanto ai Mejor Elena Morali, neo-naufraga, esclama:”Chi me l’ha fatto fare?”. Il lato positivo? Sempre e comunque quello B…

C_2_articolo_3120871_upiImagepp (1)Il primo pensiero della mattina per Elena Morali, appena sbarcata sull’Isola, altro non poteva essere che: “Chi me l’ha fatto fare?” Il giardino di casa sua è più grande di Paloma, non si trova niente da mangiare, scarseggiano estetisti e parrucchieri. Per fortuna c’è Giucas Casella, nel quale rivede un po’ il suo papino. Nel frattempo sull’isola del Peor la Cipriani sfida tutti sui suoi tacchi a spillo, mentre le altre ragazze sono alle prese con la convivenza forzata in condizioni generali non ottimali. Il clima è teso, gli animi sono spesso surriscaldati e l’umore oscilla di continuo. Per fortuna un lato positivo continua ad esserci… ed è quello B delle sexy naufraghe!.

Selvaggia Lucarelli, Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno l’accusano di diffamazione: ecco come risponde

La polemica di Selvaggia Lucarelli in un articolo pubblicato su “Il Fatto Quotidiano” in merito all’associazione “Doppia Difesa” di Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno non è passata inosservata e le due fondatrici hanno annunciato battaglia. “L’attacco sulle pagine de “Il Fatto Quotidiano” è gravissimo perché fornisce informazioni false che potrebbero scoraggiare altre vittime di violenza dal rivolgersi alla nostra fondazione”. Michelle e la Bongiorno hanno annunciato, attraverso un comunicato congiunto pubblicato sui social, l’intenzione di querelare il giornale diretto da Marco Travaglio per un articolo a firma di Selvaggia Lucarelli.

Schermata-2018-01-25-alle-18.08.42Nel mirino della presentatrice svizzera e dell’avvocata neo candidata della Lega, fondatrici di ‘Doppia Difesa’, finisce infatti ‘La Bongiorno: molti spot, pochi aiuti anti-violenza’, indagine della blogger che accusa la fondazione che si occupa di violenza sulle donne di essere, di fatto, un’associazione fantasma. Il motivo? Nessuna risposta, spiega nell’articolo Lucarelli, ai numeri indicati sul sito, alle mail, alla pagina Facebook della no-profit, definita “morente”. “Molto fumo e poco arrosto”, sintetizza la blogger, che segnala l’impossibilità di contattare ‘Doppia Difesa’ in emergenza, come invece la fondazione invita a fare.
E su Twitter Giulia Bongiorno si spinge anche oltre, rendendo pubblici i numeri delle donazioni personali alla Onlus – sue e di Hunziker – negli ultimi anni: “Non ci piace appuntarci medaglie sul petto ma di fronte agli attacchi di cui la Fondazione #DoppiaDifesa è stata bersaglio abbiamo deciso di rendere note le cifre donate a titolo personale in questi anni: Giulia Bongiorno euro 299.150, Michelle Hunziker euro 273.250 (con regolari bonifici riscontrabili). Ciò, naturalmente, oltre al lavoro indefesso, talvolta persino notturno, svolto con passione e sacrificio in favore di #DoppiaDifesa. Avremmo preferito non scendere in dettagli di questo tipo, ma di fronte all’ingiustizia e alla diffamazione, è doveroso replicare con dati oggettivi”, conclude l’avvocata dopo una serie di tweet .
Per nulla intimorita dalla querela in arrivo, Selvaggia Lucarelli replica sprezzante sui social all’annuncio delle ‘madri’ di Doppia Difesa: “Mi sono limitata – si legge nel lungo post della blogger su Facebook – a segnalare un disservizio segnalato da moltissime donne sulla loro pagina fb, sulla mia pagina oggi e da me personalmente testato in questi giorni, visto che le mie chiamate a vuoto in vari giorni e orari della settimana sono ancora lì nel mio telefono. Io non ho scritto che non hanno mai aiutato nessuno. Mi suona come una coda di paglia, e non è una risposta nel merito della questione da me segnalata. Porterò io, eventualmente, la testimonianza di tantissime donne che hanno provato a scrivere, telefonare e non hanno mai avuto risposta in questi ANNI. Ho la posta piena. C’è anche chi ha citofonato alla sede e si è sentito dire ‘mandi una mail'”.

“Altro che querele – continua, dopo aver assicurato come l’articolo sia servito a velocizzare miracolosamente i tempi della fondazione, ora a suo dire attiva e solerte nel rispondere alle donne in cerca d’aiuto -, meriterei di diventare socia di Doppia Difesa ad honorem. Per il resto, so di aver detto verità inconfutabili. So quanto ritengo importante occuparsi di questioni legate a violenze e abusi con serietà. E io lo faccio. Le querele non mi spaventano – conclude -, neanche quelle di avvocati e showgirl milionarie”.

Parole e supposizioni che prevedibilmente non sono state accolte con favore dalle due fondatrici, che hanno quindi deciso di passere alle vie legali contro un articolo che ritengono non solo diffamatorio, ma che potrebbe addirittura scoraggiare altre vittime dal chiedere aiuto: “Da dieci anni – scrivono Hunziker e Bongiorno – combattiamo contro la violenza sulle donne attraverso un’attività di sostegno alle vittime (consulenza legale e psicologica, assistenza legale e psicologica, comunicazione). Crediamo così intensamente in questa battaglia da aver anche finanziato personalmente la fondazione Doppia Difesa Onlus, da noi creata nel 2007. L’attacco sulle pagine del “Il Fatto Quotidiano” – spiegano – è gravissimo perché fornisce informazioni false che potrebbero scoraggiare altre vittime di violenza dal rivolgersi alla nostra fondazione. Abbiamo pertanto deciso – concludono – di presentare querela e porteremo come testimoni tutte le donne che abbiamo aiutato in questi anni e che stiamo aiutando in queste ore”.

Carlo Verdone e le sue donne, tra romanticismo e sex toys

Luna (Ilenia Pastorelli) è una ragazza di borgata che si improvvisata commessa e “riesuma” il suo troppo spento principale Guglielmo (Carlo Verdone), proprietario di un prestigioso negozio di arredi sacri a Roma. Tra donne, social e tante risate arriva nelle sale “Benedetta follia”, una commedia che affresca una Roma ideale: “Quella che vorrei vedere”, dice il regista.

C_2_articolo_3116889_upiImageppTra prove di abiti talari a corpulenti cardinali e la ricerca di una commessa per il negozio, la vita di Guglielmo non è poi così bella. E’ stato lasciato dopo 25 anni dall’amata moglie Lidia (Lucrezia Lante della Rovere) che si è innamorata di una donna. Quando entra con forza la vitale Luna, la sua vita cambia del tutto. E’ lei ad introdurlo al mondo dei siti di incontri ed è sempre lei a fargli provare, seppur involontariamente, l’ecstasy. Tra le scene cult del film, quella che vede un’occasionale compagna di speed date (Francesca Manzini) utilizzare il cellulare (modalità vibrazione) come un sex toy in un ristorante. Una cosa che porterà entrambi in un ospedale dove Guglielmo incontreràla dolce infermiera Ornella (Maria Pia Calzone).
“Volevo tornare a lavorare con le donne – racconta Verdone – Ho sempre amato l’universo femminile, specie in questo particolare momento. Per quanto riguarda la scena in cui ballo, devo dire che non l’ho accettata subito, ma gli sceneggiatori hanno insistito e mi hanno convinto anche grazie alle coreografie di Luca Tommassini”. Mentre la Roma “è solo quella che vorrei vedere, senza magagne. Spero solo che torni presto ad essere così”.

Trump, un’altra pornostar: “Pagò 10mila dollari per Jessica Drake. Era già sposato con Melania”

La pornostar Jessica Drake avrebbe firmato un accordo che le vieta di raccontare il suo incontro con Donald Trump, che l’avrebbe baciata contro la sua volontà e le avrebbe offerto 10 mila dollari per un appuntamento nell’ottobre 2006, quando il tycoon era già sposato con Melania Trump ed aveva da poco avuto il figlio Barron. Lo riporta il Daily Beast, spiegando come insieme alla Drake ci sarebbero state altre due donne.

femer-75Sempre all’ottobre 2006 risale l’episodio raccontato dal Wall Street Journal secondo cui l’avvocato di Trump, Michael Cohen, avrebbe pagato 130 mila dollari per pagare il silenzio dell’ex pornostar Stephanie Clifford, in arte Stormy Daniels, incontrata come la Drake in un hotel dopo un evento sui campi da golf di una località tra la California e il Nevada. Con la Clifford il tycoon – secondo quanto scrive il Wsj – avrebbe avuto un rapporto sessuale.
Un’altra attrice, Alana Evans, ha raccontato inoltre al Daily Beast che Trump e la Clifford la invitarono a partecipare al loro incontro nell’hotel. L’ex stratega della Casa Bianca Steve Bannon nel libro ‘Fire and Fury’ racconta come i legali di Trump ottennero a suon di dollari il silenzio di almeno cento donne durante la campagna elettorale del 2016.