Nadia Toffa assente da Le Iene: è l’ultima puntata, fans in ansia per la malattia

La sua assenza ormai da diverse settimane ha fatto discutere, con tantissimi fans preoccupati per la sua salute: parliamo di Nadia Toffa, l’inviata e conduttrice de Le Iene che sta combattendo contro un cancro, per le cui cure si è assentata dagli studi televisivi nell’ultimo periodo perché troppo debole.

Schermata 2018-05-23 alle 21.24.52_23212654Si pensava che nella puntata di questa sera Nadia potesse tornare in studio, in occasione dell’ultima puntata della stagione 2018, ma purtroppo non è successo: a presentare, solo Ilary Blasi e Teo Mammucari. Nella puntata si torna a parlare delle carceri, non solo di Secondigliano come nell’ultima occasione, ma anche di Piacenza e Parma: carceri in cui si riscontrano episodi di violenza, spesso taciuti per anni. Ma chissà che nell’arco della puntata Nadia non spunti fuori per salutare il suo pubblico.

Nadia Toffa, incubo senza fine: niente Amici né Le Iene, «debilitata dalle cure»

Non sembra essere finito l’incubo di Nadia Toffa. Dopo che una settimana fa annunciò sui social di dover rinunciare alla partecipazione ad Amici, dicendo che sarebbe stato tutto rimandato a sabato prossimo (12 maggio), pare che Nadia non parteciperà né ad Amici né a Le Iene ancora per un po’.

3694762_2153_nadia_toffa_le_iene_terence_hill_servizio_turbanteLe cure a cui si sta sottoponendo, contro il cancro che le è stato diagnosticato qualche mese fa, la debilitano fino ad impedirle di fare il suo lavoro in televisione. La conduttrice avrebbe dunque deciso di prendersi una pausa, per concentrarsi esclusivamente sulle cure per stare meglio. «Si sono concatenate una serie di sfighe che non avete idea», aveva scritto venerdì scorso. Nel frattempo sui suoi profili social in tantissimi tentano di starle vicini: una solidarietà immensa per uno dei volti televisivi più amati tra i giovani.

Nadia Toffa sta male e salta le Iene: «Ho fatto delle cure che mi hanno provata»

L’assenza di Nadia Toffa, che stasera non conduce Le Iene come ogni domenica, ha da subito spaventato i fan memori della sua recente battaglia contro il cancro.

toffa-5Con un tweet e un post su Facebook, Nadia Toffa ha rassicurato tutti spiegando di sentirsi molto provata a causa di cure a cui ha dovuto sottoporsi ma che conta di rimettersi in tempo per la settimana prossima.
«Ciao ragazzi,stasera non sarò alla conduzione del mio programma preferito, #LeIene,perché negli ultimi giorni ho fatto delle cure che mi hanno provata un bel po’ e quindi mi tocca saltare la puntata di questa domenica ;( Vi prometto comunque che da settimana prossima tornerò».

Frizzi, Signorini rivela: “Fabrizio sapeva che sarebbe morto, aveva un cancro inoperabile”

Il conduttore de L’Eredità aveva fatto capire di non stare bene e di non essere guarito e quella che sembrava essere stata solo un’ischemia aveva tempi di ripresa molto più lunghi del previsto.

Frizzi_ok2-k8iB-896x504@Gazzetta-WebLa verità, svelata da Antonio Signorini, è che Frizzi aveva un cancro. A Matrix il giornalista ha raccontato che il motivo della debolezza e della sofferenza del conduttore era dovuto a delle gravi metastasi. Dopo il malore, l’ischemia che gli è costata un immediato ricovero, i controlli fatti nei giorni successivi hanno mostrato un tumore che aveva ormai preso diversi organi ed era quindi inoperabile .

Purtroppo quindi Frizzi sapeva che non avrebbe potuto fare molto, sapeva che la sua vita non sarebbe stata più quella di prima: «E Fabrizio a quel punto era a un bivio: o rimanere a casa e aspettare il momento oppure andare in televisione a fare il suo lavoro e a portare ancora una volta il sorriso a casa della gente», spiega Signorini che conclude: «È questo il vero miracolo che ha fatto Fabrizio Frizzi».

Anastacia, ballo sfrenato in tv con tanto di incidente hot

Una Anastacia davvero elettrica quella vista nella trasmissione “Ballando con le stelle”. La popstar americana non ha fatto fatica a stupire tutti coloro che hanno potuto ammirarla accanto al ballerino Maykel Fonts.

C_2_fotogallery_3086943_upiFoto1FNel corso della sua coreografia, la ballerina per una notte si è lanciata in movenze talmente sfrenate da scoprire il vestito di scena e mostrare la lingerie. Ma non è stato solo questo incidente sexy a segnare la sua esibizione. “La malattia è stata per me anche una benedizione”, ha detto Anastacia, in riferimento al cancro di cui si è ammalata e che le è costata una doppia mastectomia. “La parola cancro fa paura a tutti, ma io ho provato a tirare fuori qualcosa di positivo. È una parola che comincia con ‘can’, in inglese significa ‘posso'”, ha raccontato. Salutando poi con affetto Carolyn Smith con cui ha condiviso la sfortunata sorte della malattia.

Nadia Toffa torna a Le Iene con la parrucca: “Ho avuto un cancro, non lo sapeva nessuno”

Ho avuto un cancro. In questi mesi mi sono curata: prima ho fatto l’intervento, poi la chemioterapia e la radioterapia. L’intervento ha tolto interamente il tumore, ma poteva esserci una piccola cellula rimasta e quindi ho seguito i consigli del medico e ho seguito le cure previste. Ora è tutto finito: il 6 febbraio ho finito la radio e la chemio”.

Schermata 2018-02-11 alle 21.49.44_11215924Così a sorpresa Nadia Toffa nel giorno del suo ritorno in tv a Le Iene dopo il malore. “Non lo sapeva nessuno. Ho pensato tanto a questo momento… Fra di noi c’è sempre stata sincerità”, dice la Iena, rivolgendosi al pubblico, “e quindi voglio condividere con voi quanto successo. Mi sono appuntata alcune cose, a mano, come si faceva a scuola. Sono molto emozionata, non è facile”.
“Ora sto benissimo – rispondendo a Savino che gli chiedeva se fosse legato al malore – E rispetto a quello che mi è successo penso non ci sia assolutamente niente di cui vergognarsi, anzi. Ho solo perso qualche chilo, non mi vergogno neanche del fatto che sto indossando una parrucca, questi non sono i miei capelli. Non vi nascondo che ci sono stati momenti difficili. Quando vedi le prime ciocche di capelli che ti rimangono in mano è un momento molto forte. Mi è venuta in mente Gabriella, la bambina di Taranto che mi aveva raccontato di quanto avesse sofferto quando le erano caduti i capelli dopo che si era ammalata. Gabriella, ti ringrazio, perché ti ho pensato: se ce la fa uno scricciolo come te, allora ce la posso fare anch’io!” E aggiunge: “Mi sento orgogliosa anche di sapere cosa hanno provato le persone che ho intervistato per anni che combattevano contro il cancro, dalla Terra dei fuochi all’Ilva di Taranto”.
Poi l’appello. “Spesso per rispetto si tende ad avere una certa delicatezza con la persona che ha avuto un cancro. Invece vi chiedo normalità: continuate a prendermi in giro, a fare tutto come se non fosse successo niente, perché senza volerlo potreste farmi del male. Anche a voi che mi incontrate per strada: trattatemi come sempre, anche criticandomi se lo ritenete. Non trattateci da malati, noi malati di cancro siamo dei guerrieri, dei fighi pazzeschi!”.
Infine conclude lanciando un monito contro le false cure e i millantatori di guarigioni alternative: “Le uniche cure contro il cancro sono la chemio e la radio. Poi ci sono altre cose che contano: il buonumore, lo stile di vita… Ma non c’è altro che possa curarti che non siano la chemio e la radio”.
«Ci mancava una Iena ed è Nadia Toffa, che stasera ritorna…», ha dichiarato il conduttore Nicola Savino nel collegamento Facebook pre-puntata e in apertura.

Tu Si Que Vales, l’esibizione con le bolle di Michele commuove Teo Mammucari: “Mi hai fatto pensare a mia figlia…”

L’esibizione di Michele Cafaggi emoziona tutti. A Tu Si Que Vales lo show con le bolle stupisce i giudici, compreso il “duro” Teo Mammucari.
La sua performance dedicata alle bolle di sapone ha il sapore della magia. “Mi hai fatto pensare a mia figlia, è una cosa che ha fatto emozionare tutti, soprattutto i bambini. È stato magico”, ha detto Mammucari.

3390858_1134_schermata_2017_11_26_alle_11.33.45Quasi in lacrime lo segue a ruota anche Jerry Scotti: “Ci hai fatto sognare e tornare bambini, abbiamo visto molti spettacoli con le bolle di sapone ma nessuno come il tuo. Ti muovevi un po’ come Benigni”.
È “un generatore di emozioni” per Rudy Zerbi, anche lui rimasto incantato. E non è da meno Martin Castrogiovanni che ha esaltato le iniziative di Michele: “Per me sei un esempio. Voglio dire che Michele fa questi spettacoli per i bambini malati di cancro. Regalare un sorriso a un bambino è una cosa unica, ci vorrebbe più gente come te”.

Il popolare volto della tv si rasa i capelli per sostenere la sorella malata di cancro

La prima ad accorgersi del fatto è stata Nicki Minaj. Su Twitter corre la solidarietà alla popstar, il cui staff ha poi rimosso le offese
Dopo quanto accaduto al canale Hbo con gli episodi di “Game of Thrones” e a Vasco Rossi con le sue canzoni inedite, gli hacker colpiscono anche Ariana Grande. Il profilo Instagram della popstar è stato violato nella mattinata del 4 agosto: gli intrusi hanno cominciato a pubblicare frasi razziste e contenuti offensivi, poi rimossi dallo staff della cantante.

C_2_articolo_3087127_upiImageppLa prima a denunciare il fatto è stata la collega e amica Nicki Minaj.
Come è solito accadere nei casi di violazione di account di un certo interesse, gli autori del gesto hanno utilizzato il profilo social di Ariana Grande per pubblicizzare altre pagine. Nicki Minaj, resasi conto dell’hackeraggio, ha commentato uno dei post incriminati con l’emoticon dalla faccia confusa. La minacciosa risposta degli intrusi – che nel frattempo avevano anche postato la foto di un ragazzo di colore con epiteti razzisti – non si è fatta aspettare: “Fott…, di te parlerò dopo”.
La solidarietà social dei fan – Gli ammiratori di Ariana Grande, una volta compreso quanto successo, hanno subito incoraggiato la cantante americana a dimenticare lo spiacevole episodio. L’hashtag #RespectAriana è in breve tempo entrati nei “Trending Topics” mondiali di Twitter. Tra i molti commenti a sostegno, ne emergono alcuni dello stesso tenore. “Con tutto quello che le è successo, pure toglierle la privacy è troppo” – sostiene un utente, riferendosi in particolar modo a quanto accaduto il 22 maggio scorso, quando un kamikaze si fece esplodere durante il concerto di Manchester della popstar.

Il dramma di Mara Venier: “Cancro? Ho avuto paura…”

ROMA- Mara Venier lancia un appello per la prevenzione del cancro al seno e lo fa raccontando di una grande paura che ha vissuto qualche anno fa. Come riporta il sito Il Giornale, nel corso di un intervento alla Leo – l’Istituto europeo di oncologia – la conduttrice ha svelato di aver temuto per la sua vita.

1481987995-mara-venier-fuori-rai-620x350 (1)“Ho conosciuto Umberto Veronesi quando lavoravo a Domenica In e capitava che ci occupassimo dei progetti dell’Airc. Una volta, prima della trasmissione in camerino, stavamo preparando velocemente l’intervista e io lo guardo, alzo la maglietta e gli dico: Professore, me la fa una visita? Mi ha scambiato per una matta, ma ricordo che ogni volta mi raccomandava di fare la mammografia. Ed è così che il medico che mi seguiva un giorno mi ha detto che dovevo farmi operare. Una situazione sospetta che andava chiarita. In lacrime chiamo Veronesi, mi vede anche il figlio Paolo e si decide di non operare, ma di fare un approfondimento dal quale è emerso che l’intervento non era necessario. E’ andato tutto bene, ma ho passato brutti momenti”.
Insomma, quella di Mara è una storia a lieto fine, grazie anche alla prevenzione.

Vince 5 puntate al “Rischiatutto”, muore prima che vadano in onda

Ha vinto cinque puntate di fila del più famoso programma a quiz degli Stati Uniti. Con una vocina esile e un sorriso un po’ timido ha sbaragliato i suoi rivali, spesso con una rimonta finale quando sembrava che avesse già perso. La 41enne texana Cindy Stowell è così diventata una dei campioni storici di “Jeopardy!” Ma dietro il suo sorriso si nascondeva una tragedia. Mentre combatteva per vincere nel programma a quiz, Cindy stava anche combattendo per non morire.

2152888_stowell_20230658

Ma il male ha avuto la meglio. La campionessa si è spenta prima che il programma andasse in onda. Il cancro al colon l’ha uccisa il 5 dicembre, solo una settimana prima che le sue puntate vincenti, registrate lo scorso agosto, venissero trasmesse.
Cindy era una appassionata di Jeopardy! (il programma a cui si ispirava il nostro “Rischiatutto”) sin da quando era bambina, e lo vedeva casa dei nonni. Mentre frequentava il liceo aveva addirittura tentato di partecipare, ma non era riuscita a superare le prove. Ha comunque continuato a seguire il programma con passione, una passione poi condivisa con il compagno, Jason Hess, con cui per venti anni ha fedelmente visto ogni puntata.
Nel gennaio del 2016, Cindy ha fatto di nuovo domanda di essere ammessa. Oramai adulta, con una vasta cultura e una laurea in ingegneria chimica, ha superato le prove con estrema facilità: «E’ stato un motivo di gioia – ha ricordato Hess in una intervista alla radio Npr – ma anche di ansia». Poco dopo aver saputo di essere stata ammessa al gioco, Cindy scriveva ai produttori del programma: «Quando potete farmi partecipare? Ve lo chiedo perché ho appena scoperto che non mi resta molto da vivere. I medici pensano non più di sei mesi». I produttori di Jeopardy! Non vogliono tradire la privacy della loro campionessa, e non entrano nei particolari. Ma appena tre settimane dopo quella lettera, Cindy Stowell partecipava al programma. Era estate, e Hess ricorda: «Era un momento particolarmente brutto per Cindy, non sapevo dove prendesse la forza, eppure era lì, con una grande carica». Solo Alex Trebek, il conduttore del programma, e un pugno di collaboratori, sapevano che Cindy era giunta nella fase terminale del cancro, sapevano che stava prendendo potenti antidolorifici, e aveva una grave infezione del sangue. Ma nel guardare il programma, in onda in questi giorni, nessuno potrebbe immaginare cosa si nascondeva dietro quei volti sorridenti, dietro la precisione delle risposte di Cindy, dietro il coraggio leonino con cui si tuffava nella fase finale, quella in cui appunto si “rischia tutto”.
Con le sue cinque vincite consecutive, Cindy ha accumulato oltre 80 mila dollari, che ha lasciato alla ricerca sul cancro: «Cindy sperava che nessun altro debba mai soffrire quel che ha sofferto lei» dice Hess, che aggiunge con una affettuosa risata, «ma sarebbe imbarazzatissima se sapesse che oggi tanta gente conosce la sua storia e che migliaia di persone mi scrivono per ricordarla con ammirazione e affetto».