Matteo Salvini va da Barbara D’Urso: «Sono inc***ato nero, l’Italia agli italiani. Berlusconi? Scelgo un’altra nazionale»

Matteo Salvini commenta le ultime e concitate 24 ore della politica italiana. E lo fa dalla poltrona di Pomeriggio 5. «È stata una brutta giornata, Mattarella si è permesso di cancellare settimane di lavoro… Chi se ne frega se in Europa qualcuno non è convinto. Io non vado a mettere bocca sui governi degli altri Paesi. Mi sarei aspettato che il presidente della Repubblica prendesse a cuore la sorte degli italiani, non degli altri», spiega il leader della Lega rispondendo alle domande di Barbara D’Urso.

3761220_1828_matteo_salviniTutto a causa del veto che il Capo dello Stato ha messo sulla proposta del professor Savona come ministro dell’Economia. E alla domanda sul perché non si è trovato un compromesso risponde: «Ci hanno bocciato l’idea, non il nome. Secondo me questa è una follia, all’Italia ci devono pensare gli italiani. Se mi bocci quel nome, mi bocci un progetto che ha avuto il consenso degli italiani… In Europa hanno bisogno di un’Italia di serie B, una schiava che paga e basta».
Il pensiero va al futuro e alle eventuali elezioni autunnali: «Ci hanno fermato una volta, non ci fermeranno una seconda volta. La prossima volta gli italiani ci daranno una grande maggioranza. Io da ieri sono incazzato come un bufalo, amareggiato. Vedremo se andare alle elezioni con i Cinque Stelle quando sarò più lucido. Sono partito diffidente su di loro, però abbiamo lavorato insieme e ho trovato persone serie disposte a confrontarsi. Sul tema del lavoro, della famiglia, della Legge Fornero, della giustizia abbiamo trovato diversi punti in comune».
Alleati in divenire dunque e Forza Italia sembra già il passato. «Siamo fuori dal Mondiali. Sceglierò un’altra Nazionale», ironizza Salvini.
Poi scatta la polemica: «Ringrazio tutti, mi prendo l’impegno e questo governo lo riproporremo. So soltanto che il presidente non mi sembra un arbitro al di sopra delle parti, ha detto no a un governo votato e sì a un governo sostenuto solo dal Pd che gli italiani hanno bocciato. Per serietà se non cambiano le regole di Bruxelles finiremo peggio, ma non vuol dire una nuova Brexit. Il Centrodestra esiste se ha questa volontà, se qualcuno dice viva le banche la situazione si fa difficile».

Sull’ipotesi secondo la quale avrebbe complottato per tornare alle urne precisa: «Mamma mia sono un genio, non sono così intelligente come mi farebbero. Quindi io avrei lavorato tre settimane con Di Maio per questo?»
Dal canto suo, però, nessuna messa in stato d’accusa per il presidente della Repubblica: «Non faccio guerra a Mattarella».

Miss Italia e l’ex tronista di Uomini e Donne: le candidate di Berlusconi per Forza Italia

Annaelsa, Matilde e Ylenia: sono questi i nomi delle tre giovanissime accomunate da un passato da miss che l’ex Premier Berlusconi sembra intenzionato a schierare tra i banchi del centrodestra.

berlusconimiss.jpg_997313609Annaelsa Tartaglione, 28 anni, concorrente di Miss Italia nel 2007 ed attuale coordinatrice regionale nel Molise, dopo aver militato nelle file forziste per dieci anni avrebbe ottenuto un collegio a Isernia, come anche Matilde Siracusano, 31 anni, che è arrivata in Forza Italia “dopo anni di gavetta alla Camera e non poche sofferenze di salute”, come ha scritto suo fratello Claudio in un post su Facebook. La miss, che ha preso parte al concorso di bellezza nazionale nel 2005, sembra aver ottenuto un collegio in Sicilia, nella Città dello Stretto.
Nelle quote rosa di Forza Italia anche Ylenia Citino, ex tronista di “Uomini e Donne” già candidata alle Europee del 2015, che, secondo alcune fonti, si sarebbe presentata pochi giorni fa nella sede di piazza San Lorenzo in Lucina per firmare la dichiarazione di accettazione della propria candidatura.
Il richiamo a Miss Italia sembra però infastidire le tre.
“È storia del 2005, avevo appena 19 anni. Che c’entra con tutto quello che ho poi fatto?” dichiara Matilde Siracusano prima di ricordare il suo percorso di studi ed il tirocinio alla Camera che spesso vengono ignorati sui social.
“Quanto conta la bellezza? Spesso avere un bell’aspetto è più una spada di Damocle che un vantaggio” sostiene invece Annaelsa Tartaglione rispondendo alle domande sul suo passato da miss.

Domenica Live torna dopo la pausa: le anticipazioni. “Ripartiamo da Berlusconi”

Domenica Live torna su Canale 5 dopo una pausa di un mese e mezzo. Barbara D’Urso è pronta alla nuova sfida a partire da domenica 14 gennaio alle ore 14, e in una intervista al Giornale ha anche dato anticipazioni su quello che accadrà.

instagram-barbara-durso-k3sG-U211554657508XHE-620x450@abcHa parlato di un super ospite, ovvero Silvio Berlusconi, che sarà intervistato in questa prima puntata dopo la pausa.
Barbara D’Urso, che dal lunedì al venerdì è impegnata con Pomeriggio 5, ha anche detto di temere la concorrenza della Parodi, che non ha interrotto Domenica In al pari di Domenica Live.

Grande Fratello al via, Belen Rodriguez pronta per la conduzione: “Provino superato”

Da tempo si parla della conduzione del Grande Fratello (non famosi) affidata a Belen Rodriguez.
Quest’anno non doveva andare in onda, ma per via degli ottimi risultati raggiunto dalla quella Vip sarà trasmesso anche se in versione ristretta.

belen-rodriguez (2)Dalle parole però si è passati ai fatti e la showgirl avrebbe sostenuto un provino per il ruolo: “Piersilvio Berlusconi ha ufficializzato al Corriere della sera il ritorno in onda del Grande Fratello dopo L’Isola dei Famosi, appuntamento fissato probabilmente ad aprile su Canale 5.
L’edizione nip non sarà condotta da Ilary Blasi e Alfonso Signorini – ha svelato Giuseppe Candela per Dagospia -ma in pole position ci sarebbe proprio Belen Rodriguez. Possiamo svelarvi che nei giorni scorsi la showgirl argentina, finita nel mirino per la deludente conduzione di Tu si que vales, ha sostenuto un provino per questo ruolo”.

Noemi, separazione da 6.000 euro: “Ma Berlusconi mi ha tranquillizzata”

Nel rispetto della clausola di riservatezza siglata in calce all’accordo di separazione con il marito Vittorio Romano, a cui intende ugualmente tener fede benché quelle cifre siano ormai di dominio pubblico, Noemi Letizia su un punto vuole fare chiarezza: «Per me non c’è neanche un euro. Tutto quello che Vittorio pagherà ogni mese è solo ed esclusivamente per i nostri due figli».

c676bf23-d0cb-4736-b74e-61a76b1d657e_mediumNiente per lei, Noemi?
«No. Il mio mantenimento non è previsto».

Come mai?
«Sono due le ragioni».

Quali?
«La prima è che pur di chiudere questa storia quanto prima e nella maniera più serena possibile, ho scelto di fare così altrimenti mi avrebbero fatto una guerra senza pari. La seconda è che sono giovane e capace di mantenermi da sola».

Ha già un lavoro?
«Me lo sto inventando».

Di che cosa si tratta?
«Ristorazione. Alla metà di novembre aprirò un locale, Mastri Pizzai, in piazza Bovio, sarà un vero e proprio tempio della pizza napoletana. Lo stesso che a Pasqua inaugurerò anche a Ischia, poi ho già in mente un paio di città del Nord».

Tutto da sola?
«No. Ho dei soci tra cui Antonio Siciliano che è già titolare del ristorante Zi Tore in viale Gramsci e del bar Napoli. Lavoreremo insieme, ci conosciamo da anni. L’ho rincontrato questa estate quando sono andata via da Cortina sapendo che con Vittorio era tutto finito. Antonio mi ha proposto questa avventura e ho accettato».

Lei di che cosa si occuperà?
«Ho disegnato il logo e sto lavorando alla campagna immagine. Poi sarò lì, è chiaro. Farò tutto quello c’è da fare: non posso sbagliare. Da quei locali dipenderà la mia vita futura».

Una domanda è inevitabile: i soldi per finanziare questa operazione dove li ha presi?
«Erano miei. Danaro che nel tempo avevo conservato più un contributo da parte di mio padre che per fortuna continua a sostenermi».

Naturalmente lo sa che già si dice che ad aiutarla è stato Berlusconi?
«Roba da ridere. Lo sport più diffuso, soprattutto in questa città, è quello di parlar male degli altri e fare insinuazioni di basso livello. Mi rendo conto che resto sempre un ottimo argomento anche se ormai sono anni che conduco una vita lontana da quel mondo».

A proposito di «quel mondo»: Berlusconi lo ha sentito?
«Io no. Mio padre sì».

Suo padre ha parlato con il cavaliere?
«Papà ha molto sofferto per questa storia, come è normale che sia per un genitore. Silvio lo ha rassicurato, gli ha detto tranquillo, ci sono passato due volte: sono cose che capitano, vedrai che poi tutto si metterà al meglio».

Più serena anche lei adesso?
«Me ne sto facendo una ragione. Ho capito che quando le cose non vanno meglio dividersi subito piuttosto che essere infelici tutta la vita».

Adesso che ha firmato l’accordo poi anche meglio…
«Di quello ho già detto che non posso parlare».

Lei no, ma Repubblica sì che ha pubblicato le cifre della vostra «consensuale». Nessun commento?
«No. Se non quello che in questi anni chi mi ha accusata di essermi sposata solo per interesse adesso dovrà ricredersi e magari anche chiedermi scusa: per me non c’è un centesimo e nessuno potrà dire il contrario. Senza contare che le cifre di cui si è parlato non sono manco quelle ma – ripeto – purtroppo non posso aggiungere altro».

Allora speriamo che le pizzerie abbiano successo.
«Certo, ci conto davvero, d’altronde le condizioni ci sono tutte. Altrimenti mi inventerò un’altra cosa. Senza lavoro non resto, non potrei più permettermelo».

Diceva che l’inaugurazione del primo locale è in programma alla metà di novembre. Francesca Pascale ci sarà?
«Non credo proprio. Non ci sentiamo da un po’. Ormai frequento un altro ambiente».

Però in occasione del battesimo di suo figlio andaste tutti ad Arcore. Un rapporto, almeno apparentemente, di grande affetto e cordialità tra di voi. Che cosa è cambiato?
«In quella occasione il mio ex marito aveva deciso che voleva scendere in politica e il tramite potevo essere solo io. Così andammo tutti lì. Da allora devo dire che la sua famiglia iniziò a essere molto più gentile con me».

Prima non lo era?
«Lasciamo perdere. Ormai è una storia chiusa, basta: guardo avanti e faccio finta di dimenticare. Quello che posso dirvi però è che presto scriverò un libro, l’ho già in mente e ho anche avuto più di una proposta. Un po’ di cose le racconterò lì».

E la politica? Il suo ex marito poi ci ha ripensato?
«Vittorio parla troppo, gliel’ho sempre detto. E in politica, quando si parla troppo, è facile bruciarsi. Non lo ha mai voluto capire».

Pomeriggio 5, Barbara D’Urso torna in tv: “Ho detto no a Berlusconi, tutti mi criticano ma poi fanno come me”

Dopo pochissimi mesi d’assenza, torna su Canale 5 Barba D’Urso.
Oggi pomeriggio intorno alle 17.10, dopo Cherry Season, riparte “Pomeriggio 5”, il daytime targato Videonews .
La popolare conduttrice che, nonostante la breve assenza dal piccolo schermo, ha tenuto costantemente aggiornati i suoi fan attraverso i canali social – dove vanta più di un milione di follower -torna alla guida, dopo i rumors che parlavano di addio, del pomeriggio mediaset.

C_2_articolo_3091835_upiImageppNessun litigio con la dirigenza (qualche giorno fa si parlava tra di maretta tra lei e Pier Silvio Berlusconi), ma anzi grandi attestati di stima e anche una medaglia al valore, perchè? Carmelita è una delle poche donne che sembrerebbe aver resistito al fascino dell’ex premier Silvio Berlusconi: “Mi ha corteggiato in maniera molto elegante nel 1977 – ha dichiarato a Il Giorno – Io ho educatamente rifiutato l’invito e da allora siamo rimasti buoni amici”.
Un due di picche cofermato dallo stesso Berlusconi proprio nel salotto di Barbarella qualche anno fa “è l’unica che non c’è stata”.
Tantissime le interviste rilasciate per promuovere e rilanciare il format tanto copiato. Proprio al tgcom, la D’Urso ha dichiarato: “Dal ‘Cinema emozionale’ che ci siamo inventati quattro anni fa a Domenica Live, al nuovo ‘Telo magico’. Dal modo di fare le clip, le grafiche, le imitazioni sono palesi. Le novità ci saranno eccome, anche perché altrimenti come fanno a copiarci? Per noi è una libidine, perché quando sei copiato significa che piaci: è una medaglia al merito. E poi sono molto orgogliosa che metà del Grande Fratello Vip, quest’anno, sia formato da miei opinionisti. Serena Grandi, Giulia De Lellis, Carmen Di Pietro, tutta farina del mio sacco””.
Il format resta di base invariato, ci sarà spazio per la cronaca nera, ma anche per il gossip e gli ospiti vip che si susseguiranno di puntata in puntata.
Dal 17 settembre, poi, tornerà anche alla conduzione di Domenica Live, sempre “col cuore!”.

La sorpresa di Berlusconi, si presenta alla festa di Federica Panicucci: “Un regalo bellissimo”

La sorpresa di Silvio Berlusconi. C’era anche lui alla festa di fine produzione di Mattino 5, organizzata dalla conduttrice Federica Panicucci nella sua casa di Milano.

41607725

Nella foto tratta dal profilo Instagram di Panicucci si vede la showgirl in compagnia di Silvio Berlusconi: “Averla a cena a casa mia Presidente, è stato un regalo bellissimo”, scrive.

Baby vip, ecco chi è nato nel 2016

Il 2016 è stato un anno formidabile per le nascite vip. Sono diventate mamme le figlie di Berlusconi, gli angeli di Victoria’s Secret, tante mogli di calciatori e diverse attrici. Qualche nome? Laura Chiatti, Federica Nargi, Bar Refaeli, Ilaria D’Amico, Ilary Blasi, Claudia pandolfi e molte altre…

c_2_articolo_3046846_upiimagepp

Fiocco rosa per Cecilia Capriotti, Federica Nargi, compagna di Alessandro Matri, Cristina De Pin, moglie di Riccardo Montolivo, Elena Santarelli, moglie di Bernardo Corradi, Francesca Chillemi, Bar Refaeli. Parto a distanza di pochi giorni per Barbara ed Eleonora Berlusconi.
Cicogna anche per gli angeli di Victoria’s Secreti, Beahti Prinsloo e Candice Swanepoel, e per Wanda Nara. Una piccola Facchinetti per Francesco e Wilma, un bebè per Chrissy Teigen e il marito John Legend. Sono diventate mamme per la seconda volta Claudia Pandolfi e Laura Chiatti.
Si è allargata la famiglia Buffon con il bimbo che Gigi ha avuto da Ilaria D’Amico. Bebè anche in casa di Veronica Maia, Ludovica Sauer, Denny Mendez e Marta Comparoni, moglie del calciatore Luca Antonelli. Ennesimo gol per Francesco Totti: genitore per la terza volta insieme a Ilary Blasi.

Referendum, Renzi: “Se vince il no rischio governo tecnico”

«Il rischio di un governo tecnico c’è ma non dipende da me, sta a voi scongiurarlo con il sì». Così il premier Matteo Renzi a Torino per un’iniziativa pubblica a sostegno del si al referendum del 4 dicembre.

Referendum: Renzi, chance non ricapita per dire basta Casta

Renzi ha poi continuato a parlare del voto a Domenica Live: «Sai quante persone a cui sto antipatico voteranno Sì perché dicono che Renzi è meno importante della riforma costituzionale? Non è importante il partito ma finalmente rendere il sistema all’altezza delle sfide», ha spiegato. Dopo una campagna referendaria dai toni così accesi, si potrà ricucire? «Sì, ma certo. Dobbiamo smettere di parlare male degli altri. Mi accusavano di essere filo berlusconiano perché non attaccavo Berlusconi – ha aggiunto Renzi – Grillo ha detto che siamo ‘serial killer’, una ‘scrofa ferità. Ma il 5 dicembre l’Italia tutta insieme dovrà andare avanti. Secondo me è meglio se potrà andare avanti più veloce. Ma se resta così comunque si deve andare avanti insieme».