Incendio in hotel, l’attore Alessandro Bertolucci salvo per miracolo: “Ho visto morire due persone”

Rogo in un albergo di Praga, salvo l’attore lucchese Alessandro Bertolucci. Lo racconta lui stesso in un video pubblicato dall’emittente web Noi tv. Nel rogo, riferisce Bertolucci, sono morte due persone, diversi i feriti. Bertolucci spiega che era da poco rientrato nell’albergo dell’Eurostars David Hotel di Praga quando ha visto fumo entrare in camera.

resizeÈ riuscito a salvarsi mettendo asciugamani bagnati sotto la porta e aspettando alla finestra l’intervento dei pompieri. «Ero ospite dell’Eurostars David Hotel di Praga – racconta Bertolucci – dove mi trovo per girare uno spot con una troupe internazionale. Ero arrivato da pochi minuti quando in camera ho visto il fumo entrare da sotto la porta. Mi sono affacciato ma il corridoio era già impraticabile. Quindi sono rientrato, ho messo asciugamani bagnati sotto la porta e tutto intorno. Poi ho aperto la finestra e ho cominciato a chiedere aiuto. Sono stato salvato dai vigili del fuoco che sono intervenuti prontamente e mi hanno portato a terra con il cestello. So che ci sono stati almeno due morti. Una esperienza che davvero non auguro a nessuno».

Gianni Morandi, i vigili rimuovono il Suv e lui scatta una foto ricordo

Non c’è guaio che riesca a spegnere il sorriso a Gianni Morandi, nemmeno una rimozione forzata. A quanto riporta “La Nazione” il cantante si era recato a Scandicci (FI) per far visita alla zia, parcheggiando il Suv su un passo carrabile.

C_4_foto_1447171_image

La polizia municipale gli ha quindi portato via l’auto ma lui l’ha presa con filosofia: è andato al comando per pagare la multa e riprendersi la vettura, trovando anche il tempo per scattarsi una foto ricordo.”Per le strade delle Bagnese, e sui social è cominciata a girare la notizia, con tanto di selfie di cittadini postati insieme al cantante – scrive il quotidiano – Così al comando di polizia municipale è arrivata la telefonata di Morandi che chiedeva lumi su come ritirare la vettura dopo aver pagato una multa di trenta euro più diritti di rimozione. Ad accoglierlo dai vigili, il comandante Mastursi e l’assessore Anichini”.