Grande Fratello Vip, Jeremias Rodriguez salvo. Veronica eliminata

Con quasi 5 milioni e mezzo di voti il Vip eliminato è Veronica Angeloni. Jeremias Rodriguez si salva e può rientrara nella casa del Grande Fratello Vip. Il verdetto della settimana puntata riserva una vera e propria sorpresa, se nei giorni scorsi l’uscita del piccolo Rodriguez sembrava cosa certa nel rush finale è la pallavolista a dover dire addio al sogno di arrivare in finale.

3320616_2246_jeremias_veronicaDurante la diretta condotta da Ilary Blasi e Alfonso Signorini, i due nominato hanno ricevuto due sorprese emozionanti, Jeremias ha rivisto il padre, Veronica la madre.
Forse proprio l’incontro tra i Rodriguez ha commosso il pubblico: “Tu non mi hai deluso. Io ti amo tantissimo” dice il padre, mentre Jeremias ammette “io per un periodo mi sono perso. Ho preso strade sbagliate, purtroppo”.
Al rientro in studio Alfonso sembra essere molto contento di questa redenzione ed ammissione, a scagliarsi contro però è Simona Izzo che non ci sta “stiamo assistendo alla beatificazione di Jeremias. Lui non ha chiesto scusa a nessuno di quelli offesi. Mi dispiace, io non lo perdono. Allora giustifichiamo qualsiasi reato con la scusa della sofferenza”.

Grande Fratello Vip, eliminata Serena Grandi. Malgioglio brucia il verdetto finale, ira della Blasi

Cristiano Malgioglio è una delle star di questa edizione del Grande Fratello Vip. Nella terza puntata in onda questa sera su Canale 5 il cantautore italiano come sempre ha cercato le attenzioni dei compagni della casa e anche della conduttrice Ilary Blasi.

3261374_2314_ilary_blasi_malgioglioLa sua irruenza e la sua voglia di primeggiare però è stata rimproverata proprio dalla stessa Blasi che è sbottata in un “Cristiano però conduco io !”. Malgioglio ha provato a tenere a freno la lingua ma il Grande fratello VIP gli ha dato uan prova troppo grande da sostenere. Lui e Simona Izzo erano gli unici all’interno della casa a conoscere il verdetto del pubblico sull’eliminato della settimana. in nomination Serena Grandi e Lorenzo Flaherty.
Durante la frase di rito pronunciata da Ilary Blasi, che come sappiamo prima di dire il nome lascia un po’ di suspence, Cristiano Malgioglio non è riuscito a trattenersi e ha bruciato il momento facendo il nome di Serena Grandi.

Amanda Knox contro giustizia italiana e Trump: “Il suo aiuto poteva costarmi l’ergastolo”

Amanda Knox, scagionata nel 2015 da tutte le accuse di omicidio dopo 4 anni trascorsi in carcere, prova a essere una donna nuova: collabora costantemente con il quotidiano West Seattle Herald e, archiviata per sempre la storia con Raffaele Sollecito, convive con il fidanzato. In una nuova intervista a Rolling Stone si mette a nudo e attacca la giustizia italiana e il presidente Trump.

rs-amanda-knox01-7f8dcbf3-a745-4f58-a912-3b485d72dac3“La Corte europea per i diritti umani ha accolto il ricorso (presentato nel maggio del 2016, ndr). Ma sono ancora in attesa di conoscere il verdetto. Ho denunciato, in particolare, il fatto di avermi negato il diritto di avere un avvocato, di avermi colpita durante gli interrogatori e per il fatto che tutto ciò che è accaduto si ripercuote sulla mia intera vita. Spero che il Tribunale lo capisca. Non c’è alcuna garanzia che l’Italia riconosca che quello che ha fatto è sbagliato, ma almeno sarei felice se venisse stabilito che ciò che è accaduto in quella stanza non era legale. Mi interrogarono per oltre 53 ore in cinque giorni. Il risultato fu che l’interrogatorio finì nel modo sbagliato che tutti abbiamo visto. Non mi lasciavano uscire senza che affermassi qualcosa che includesse il nome di qualcuno. Questa cosa insana di estorcere false confessioni è molto comune. Non c’è alcun bisogno di colpire le persone o di molestarle verbalmente e psicologicamente. C’è un motivo se tutto ciò è definito illegale. Ero una ragazza di 20 anni senza precedenti con la giustizia e con un livello di italiano pari a quello di un bambino di 10 anni”.
E poi su Trump: “Lo ringrazio per avermi aiutata, ma il modo in cui il gesto è stato interpretato nei tribunali italiani avrebbe potuto danneggiarmi moltissimo. Non è sembrata una difesa ma una sorta di bullismo, di arroganza da parte degli americani nei confronti degli italiani. Come se gli americani si sentissero in diritto di dire agli italiani cosa fare. Avrei preferito che Trump avesse agito con maggiore prudenza. Sono molto preoccupata per il suo governo. Credo che il cambiamento climatico sia un problema mondiale e che non stiamo offrendo un buon servizio chiamandoci fuori dalla partita dell’energia pulita, che rappresenta il futuro. E’ sconcertante sapere che siamo tornati all’era del carbone. Senza parlare dei passi indietro che stiamo facendo sulla discriminazione”.