Incendio in hotel, l’attore Alessandro Bertolucci salvo per miracolo: “Ho visto morire due persone”

Rogo in un albergo di Praga, salvo l’attore lucchese Alessandro Bertolucci. Lo racconta lui stesso in un video pubblicato dall’emittente web Noi tv. Nel rogo, riferisce Bertolucci, sono morte due persone, diversi i feriti. Bertolucci spiega che era da poco rientrato nell’albergo dell’Eurostars David Hotel di Praga quando ha visto fumo entrare in camera.

resizeÈ riuscito a salvarsi mettendo asciugamani bagnati sotto la porta e aspettando alla finestra l’intervento dei pompieri. «Ero ospite dell’Eurostars David Hotel di Praga – racconta Bertolucci – dove mi trovo per girare uno spot con una troupe internazionale. Ero arrivato da pochi minuti quando in camera ho visto il fumo entrare da sotto la porta. Mi sono affacciato ma il corridoio era già impraticabile. Quindi sono rientrato, ho messo asciugamani bagnati sotto la porta e tutto intorno. Poi ho aperto la finestra e ho cominciato a chiedere aiuto. Sono stato salvato dai vigili del fuoco che sono intervenuti prontamente e mi hanno portato a terra con il cestello. So che ci sono stati almeno due morti. Una esperienza che davvero non auguro a nessuno».

Andrea Lehotska, il dramma dell’ex naufraga dell’Isola dei Famosi: “Ho rischiato di morire, oggi festeggio la nuova vita”

“Ho rischiato di morire. Mi avevano dato due giorni di vita”.
A parlare l’ex naufraga dell’Isola dei Famosi (edizione 2012) Andrea Lehotska, che racconta il grave malore che l’ha colpita il 20 ottobre scorso: “Sonò stata assalita da un’emicrania fulminante – ha raccontato a “Nuovo” – ho cominciato a vomitare e la febbre mi è salita a 41 gradi. A tratti perdevo conoscenza.

ANDREA-LEHOTSKA-780x450I miei genitori hanno chiamato un’ambulanza che mi ha portata d’urgenza in ospedale. I medici non riuscivano a misurarmi la pressione perché era troppo bassa. I primi esami del sangue hanno confermato l’ultimo stadio della sepsi, ovvero l’infezione che aveva compromesso il regolare funzionamento dei miei reni”.
Grazie alle cure è migliorata e ora sta molto meglio, ma l’esperienza l’ha naturalmente cambiata: “Ho rallentato i miei ritmi e oggi tra le mie priorità c’è il riposo. Un tempo lavoravo giorno e notte, senza tregua, e alla fine ho pagato anni di eccessi! La malattia mi ha profondamente cambiata e a volte non mi riconosco: sono diventata molto emotiva ed è come se fosse uscita allo scoperto tutta la mia fragilità. Contro il parere dei medici sono volata su un’isola malese praticamente deserta per festeggiare il primo anniversario dell’inizio della mia malattia. Lo considero il mio nuovo compleanno, visto che da quel giorno è come se avessi cominciato una nuova vita”.

Jeremis Rodriguez e la dedica a Giulia De Lellis: “Sei enorme piccolina… Mi manchi da morire”

Una dedica inaspettata arriva direttamente dall’account instagram di Jeremias Rodriguez, fratello di Belen e partecipante al Gf Vip con la sorella Cecilia.

3421836_1635_jeremias_rodriguez_post_dedica_giulia_de_lellisJeremias ha dedicato un pensiero a una sua ex coinquilina e dal social ha postato una foto che lo vede recluso nella casa di Cinecittà assieme a Giulia De Lellis, seguito dalla didascalia: “Sei ENORME piccolina… Mi manchi da morire”.
A chi ha ricordato a Jeremias che durante il reality Mediaset i rapporti non erano proprio dei migliori ha risposto: “Solo gli stupidi non cambiano idea”.

Michelle Hunziker: “Pur di uscire dalla setta, ero disposta a morire”

In edicola domani su F, il settimanale femminile di Cairo Editore diretto da Marisa Deimichei, l’intervista a Michelle Hunziker, dal 4 dicembre alla conduzione di Striscia la Notizia e in pole position per affiancare Claudio Baglioni sul palco di Sanremo.

Foto Mario Cartelli/LaPresse 15-11-2017 Roma spettacolo Registrazione della seconda puntata del Maurizio Costanzo Show agli Studi Voxson. Nella foto: Michelle Hunziker

Oggi la showgirl è una quarantenne felice e appagata, ma nel 2003 la maga Clelia, Giulia Berghella, è entrata nella sua vita stravolgendola. Michelle ne parla nel libro appena uscito Una vita apparentemente perfetta, dove racconta la sua terribile esperienza. «In Italia ci sono 600 psicosette, di cui solo 32 in Lombardia, e la gente ci scivola dentro senza accorgersene».
Lei come ne è uscita? «A un certo punto mi hanno detto che sarei morta se fossi uscita dalla setta. Io però ho maturato un disagio tale che mi sono detta: se il prezzo da pagare è questo, va bene, muoio».
È vero che è stata la vicinanza di Clelia (Giulia Berghella) e del suo entourage a provocare la rottura con Ramazzotti, suo marito? «Eravamo già in piena crisi. Non siamo stati fortunati perché se avessimo avuto degli amici intorno magari avremmo potuto superarla. Ma magari no. Non ho rimpianti perché, alla fine, ho incontrato Tomaso».
Possibile che nessuno si sia accorto di come stava? «Antonio Ricci ha fatto di tutto per aiutarmi: mandava gli inviati di nascosto nello studio di Clelia ma lei è furba, li beccava sempre. A un certo punto Antonio ha capito che per manipolarmi lavoravano per distruggere la mia autostima (…) allora ha iniziato a farmi complimenti per le mie idee, a darmi carta bianca sul lavoro. E io ho cominciato a pensare che forse tanto schifo non facevo».
C’era tanta gente famosa nella setta. Perché solo lei parla? «Nessuno di quelli che sono stati dentro e ne sono usciti vogliono che si sappia, è un dolore troppo grande. Perché tanti pensano ancora che se qualcuno riesce a manipolare la tua mente significa che non sei molto intelligente».
Il 25 novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Oggi il tema caldo è quello delle molestie da parte di chi può cambiarti la vita professionale. A lei è mai successo? «Credo sia successo a tutte le donne. A me è capitato da ragazzina, anche se non sono caduta nel tranello. Ho perso dei lavori e ho chiuso con molte persone, ma non esiste un motivo valido per stare con un uomo che ti ricatta per il sesso perché diventi corresponsabile».

Mara Venier in lacrime per la mamma: “Ho desiderato morire con lei”

I telespettatori sono abituati a vederla frizzante e sorridente, ma Mara Venier nasconde un grande dolore dentro di sé. Ospite de “L’Intervista”, la conduttrice non è riuscita a trattenere le lacrime quando Maurizio Costanzo le ha mostrato gli scatti di mamma Elsa, scomparsa nel 2015. “Era il senso della mia vita. Quando se n’è andata ho desiderato morire insieme a lei” ha svelato commossa.

C_2_articolo_3100549_upiFoto1F“Come mi ha amato mia madre credo non mi possa amare nessuno. Da quando non c’è più non sono riuscita a guardarla neanche in fotografia. Non riesco nemmeno ad andare a Venezia, ci sono troppi ricordi”.
“Ha sofferto molto, sono stati tre anni terribili. Gli ultimi giorni ho pregato Dio perché la prendesse, non ce la facevo più a vederla soffrire. Quando il medico mi ha detto che era finita l’ho preso per il camice e gli ho detto che doveva farmi andare con lei. Ho desiderato morire e andare con lei” ha raccontato.
L’Alzheimer nel periodo finale l’aveva consumata (“era arrivata a pesare 18 chili”) ed è stata una prova ardua da superare anche per Mara: “L’ultimo ricordo bello è stato il giorno del suo compleanno, avevo fatto venire i gondolieri in ospedale a cantare le canzoni veneziane. E’ stata l’ultima volta che l’ho vista sorridere”.

Corona: “Sciopero della fame, sono pronto a morire”, scrive a “Verissimo” e conferma tutto

Nessun dietrofront. Continua il tormentone sullo sciopero della fame prima annunciato e poi rientrato da parte di Fabrizio Corona, l’ex ‘re dei paparazzi’. Oggi – rende noto in un comunicato Mediaset – Corona ha scritto alla trasmissione ‘Verissimo’ affermando che invece ha deciso di portare avanti la sua protesta.

3239425_1835_3236916_1236_21.7734211«Sono pronto a tutto. Sono disposto a sacrificare la mia vita. Sciopererò fino a quando non mi verrà fissata un’udienza nella quale verranno riconosciuti i miei diritti e la libertà che mi spetta. Voglio tornare a fare il padre», scrive fra l’altro alla conduttrice Silvia Toffanin dal carcere, dove dovrà restare ancora per un anno, dopo che il 13 settembre il magistrato di sorveglianza di Milano ha respinto la sua richiesta d’affidamento in prova in una comunità. La trasmissione andrà in onda sabato.
La fidanzata Silvia Provvedi, in collegamento telefonico con Silvia Toffanin ha ribadito: «Fabrizio ha iniziato lo sciopero della fame. Non tocca cibo e io sono molto preoccupata. Psicologicamente Fabrizio è il solito combattivo, ma è molto scosso».