Trump, un’altra pornostar: “Pagò 10mila dollari per Jessica Drake. Era già sposato con Melania”

La pornostar Jessica Drake avrebbe firmato un accordo che le vieta di raccontare il suo incontro con Donald Trump, che l’avrebbe baciata contro la sua volontà e le avrebbe offerto 10 mila dollari per un appuntamento nell’ottobre 2006, quando il tycoon era già sposato con Melania Trump ed aveva da poco avuto il figlio Barron. Lo riporta il Daily Beast, spiegando come insieme alla Drake ci sarebbero state altre due donne.

femer-75Sempre all’ottobre 2006 risale l’episodio raccontato dal Wall Street Journal secondo cui l’avvocato di Trump, Michael Cohen, avrebbe pagato 130 mila dollari per pagare il silenzio dell’ex pornostar Stephanie Clifford, in arte Stormy Daniels, incontrata come la Drake in un hotel dopo un evento sui campi da golf di una località tra la California e il Nevada. Con la Clifford il tycoon – secondo quanto scrive il Wsj – avrebbe avuto un rapporto sessuale.
Un’altra attrice, Alana Evans, ha raccontato inoltre al Daily Beast che Trump e la Clifford la invitarono a partecipare al loro incontro nell’hotel. L’ex stratega della Casa Bianca Steve Bannon nel libro ‘Fire and Fury’ racconta come i legali di Trump ottennero a suon di dollari il silenzio di almeno cento donne durante la campagna elettorale del 2016.

“Bobo Vieri lo faceva in continuazione”: ecco cosa svela Elisabetta Canalis sul passato dell’ex

Non una, non due, non tre… dalle parole di Elisabetta Canalis sembrerebbe proprio che Bobo Vieri sia stato un habitué del tradimento. Di leggende sulle conquiste di Christian Vieri se ne sentono parecchie e l’ex velina – che ha sperimentato sulla sua pelle – ha fatto luce sui comportamenti stravaganti del giocatore.

vieri_canalis.jpg--Elisabetta Canalis sarà una delle ‘Spose di Costantino’: domani 11 gennaio su Rai2, infatti, debutta il nuovo programma di della Gherardesca che volerà in Giamaica per convolare a nozze con l’ex velina sarda.
Intervistata da Quotidiano.net Elisabetta Canalis – che vive oramai in pianta stabile negli Stati Uniti dove insieme a Maddalena Corvaglia ha aperto un centro fitness all’avanguardia – ha avuto modo di parlare della figlia Skyler Eva e del timore che, come spesso succede in America a tanti bambini, venga rapita.
Inutile dire, però, che il momento clou dell’intervista riguarda Bobo Vieri con cui ha avuto un’intensa e chiacchierata relazione nei primi anni 2000.

Quando era a Striscia la Notizia e frequentava l’ex calciatore, Elisabetta Canalis dovette sopportare i continui tradimenti del fidanzato, fino a che non l’ha lasciato definitivamente. Di leggende sulle conquiste di Christian Vieri se ne sentono parecchie e l’ex velina – che ha sperimentato sulla sua pelle – ha fatto luce sui comportamenti stravaganti del giocatore.

“Nel suo libro – domanda il giornalista – Bobo Vieri ha scritto che lei lo picchiava”.

“Era uno molto allegro, diciamo, molto esuberante e molto sensibile al fascino femminile – ha replicato Ely – Mi tradiva in continuazione, però non era molto bravo a nasconderlo. Credo di averlo scoperto sempre, o quasi sempre. Comunque, a dire la verità, qualche schiaffo se l’è preso”.

Per la gioia di tante donne che ci sono passate, la Canalis ha dato una bella lezione allo sciupafemmine, anche se non siamo sicuri che abbia imparato del tutto dai suoi errori.

Antonella Elia, la battuta sul senatore Antonio Razzi: imbarazzo in studio da Fazio

Exploit di Antonella Elia a Che fuori tempo che fa: la showgirl ha preso di mira il senatore Antonio Razzi. Un paio di battute pronunciate su di lui hanno messo in imbarazzo Fabio Fazio, diventando in breve virali sui social network e fatto il giro della rete. Ecco che cosa ha detto l’ex concorrente di Pechino Express al senatore, in diretta su Rai Uno…

35_20171205103712Che Antonio Razzi sia un personaggio controverso è risaputo. Di lui si ricordano le particolari prese di posizione su argomenti delicati, i rapporti di amicizia con Kim Jong-Un e la Corea del Nord e la scarsa capacità dialettica più volte sfoggiata durante le interviste. Memorabile è diventata anche l’imitazione resa da Maurizio Crozza, che lo ha consacrato all’immaginario collettivo.
Insomma, un personaggio sicuramente ambiguo del nostro panorama politico.
Antonella Elia a Che fuori tempo che fa si scaglia contro il senatore Razzi: ecco cosa gli ha detto
Poteva la Elia trattenersi dal prenderlo un po’ in giro? Ovvio che no, tanto che a sorpresa gli ha posto una domanda talmente semplice e diretta da essere spiazzante:

“Ma lei come ha fatto a diventare senatore?”.
Visibilmente imbarazzato, Fazio ha voluto precisare che Razzi “è stato eletto”, causando una nuova piccata risposta della Elia: “ma da noi?”.
Antonella Elia a Che fuori tempo che fa e le parole contro Razzi: il web esplode
Impeccabile la risposta del senatore, presente in studio per presentare il suo libro: “Io sono stato eletto, non nominato. Sono stato eletto dagli italiani all’estero, con le preferenze. Se un parlamentare viene votato con le preferenze è perché l’ha chiesto il popolo e il popolo ha sempre ragione”.
Al di là delle questioni meramente tecniche, il web è letteralmente esploso alle parole della Elia, diventate subito virali sui social, che sembrano aver eletto l’ex concorrente di Pechino Express a nuova beniamina…

“Ero una star del Grande Fratello, ora raccolgo monetine fuori dai supermercati”: ecco di chi si tratta

Sembrava destinata a una grande carriera nel mondo dello spettacolo ed era amatissima dagli spettatori che la seguivano sul piccolo schermo mentre viveva nella casa del Grande Fratello, il re dei reality.

PAY-MAIN-PAY-Lisa-Appleton-MainLisa Appleton, ex concorrente britannica di 48 anni, ora vive nell’indigenza ed è costretta a raccogliere le monetine fuori dai supermercati.
In rete e sui social sono apparse delle immagini che non lasciano dubbi. Lisa, che ha partecipato alla nona edizione – quella del 2008 – del “Big Brother”, è lontana dalle scene da diverso tempo. Come riporta il Daily Star, la donna è stata truffata da un uomo che è riuscito ad aggirare lei e il suo fidanzato non appena raggiunta la fama. “Ci aveva promesso un futuro pieno di impegni, un documentario sulla mia vita, una serie di progetti faticosi ma gratificanti. Abbiamo creduto in lui, investendo soldi ed energie. Ci ha portato via tutto”, confessa.

nintchdbpict000275661556

Dopo essere stata derubata dei suoi risparmi ha sofferto di ansia e depressione. “Quando ho ripreso coraggio e sono tornata all’aria aperta mi sono trovata a camminare con lo sguardo basso, a caccia di monetine per terra vicino a negozi e supermercati… Una volta ho addirittura attraversato una strada di corsa, fermando le auto, perché avevo notato degli spicci incustoditi”. Lisa si dice però è pronta a rialzarsi e a pubblicare il suo libro: “Ho fatto scelte sbagliate, ho deluso persone care, ho ricevuto tanti insulti. Ma sono convinta che i fan provino affetto per me nonostante tutto. Saprò riconquistarli”.

Michelle Hunziker: “Pur di uscire dalla setta, ero disposta a morire”

In edicola domani su F, il settimanale femminile di Cairo Editore diretto da Marisa Deimichei, l’intervista a Michelle Hunziker, dal 4 dicembre alla conduzione di Striscia la Notizia e in pole position per affiancare Claudio Baglioni sul palco di Sanremo.

Foto Mario Cartelli/LaPresse 15-11-2017 Roma spettacolo Registrazione della seconda puntata del Maurizio Costanzo Show agli Studi Voxson. Nella foto: Michelle Hunziker

Oggi la showgirl è una quarantenne felice e appagata, ma nel 2003 la maga Clelia, Giulia Berghella, è entrata nella sua vita stravolgendola. Michelle ne parla nel libro appena uscito Una vita apparentemente perfetta, dove racconta la sua terribile esperienza. «In Italia ci sono 600 psicosette, di cui solo 32 in Lombardia, e la gente ci scivola dentro senza accorgersene».
Lei come ne è uscita? «A un certo punto mi hanno detto che sarei morta se fossi uscita dalla setta. Io però ho maturato un disagio tale che mi sono detta: se il prezzo da pagare è questo, va bene, muoio».
È vero che è stata la vicinanza di Clelia (Giulia Berghella) e del suo entourage a provocare la rottura con Ramazzotti, suo marito? «Eravamo già in piena crisi. Non siamo stati fortunati perché se avessimo avuto degli amici intorno magari avremmo potuto superarla. Ma magari no. Non ho rimpianti perché, alla fine, ho incontrato Tomaso».
Possibile che nessuno si sia accorto di come stava? «Antonio Ricci ha fatto di tutto per aiutarmi: mandava gli inviati di nascosto nello studio di Clelia ma lei è furba, li beccava sempre. A un certo punto Antonio ha capito che per manipolarmi lavoravano per distruggere la mia autostima (…) allora ha iniziato a farmi complimenti per le mie idee, a darmi carta bianca sul lavoro. E io ho cominciato a pensare che forse tanto schifo non facevo».
C’era tanta gente famosa nella setta. Perché solo lei parla? «Nessuno di quelli che sono stati dentro e ne sono usciti vogliono che si sappia, è un dolore troppo grande. Perché tanti pensano ancora che se qualcuno riesce a manipolare la tua mente significa che non sei molto intelligente».
Il 25 novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Oggi il tema caldo è quello delle molestie da parte di chi può cambiarti la vita professionale. A lei è mai successo? «Credo sia successo a tutte le donne. A me è capitato da ragazzina, anche se non sono caduta nel tranello. Ho perso dei lavori e ho chiuso con molte persone, ma non esiste un motivo valido per stare con un uomo che ti ricatta per il sesso perché diventi corresponsabile».

Maurizio Costanzo Show, Parlano i genitori di Trifone. Sul palco Michelle Hunziker che sogna Sanremo

Domani, giovedì 16 novembre, alle ore 23.20 su Canale 5, secondo appuntamento con il “Maurizio Costanzo Show”, il talk che racconta l’attualità, la cronaca e lo spettacolo del nostro Paese.

3368789_1602_michelle_unziker_costanzo (1)Sul palco: la conduttrice televisiva Michelle Hunziker, i genitori di Trifone, Eleonora e Francesco Ragone, che parlano dopo la condanna all’ergastolo a Giosuè Ruotolo, accusato di aver ucciso Trifone Ragone e la sua fidanzata Teresa Costanza. E poi… Stefano De Martino, Dario Vergassola, Francesco Monte, Maria Grazia Cucinotta, Corinne Cléry e Andrea Pucci.
Dopo aver presentato il libro di Michelle Hunziker “Una vita apparentemente perfetta” Maurizio Costanzo commenta: “Questo non me l’ha detto la maga, ho letto che fai Sanremo”.
“Per me Sanremo è la festa più bella d’Italia. Se me lo chiedessero lo farei” risponde Michelle
Costanzo: “Spero che te lo chiedano e complimenti per il libro”.

Antonella Clerici e il passaggio dalla Rai a Mediaset: “Ecco dove ha comprato casa”

Fra poco il contratto fra la Rai e Antonella Clerici scadrà. La conduttrice però potrebbe non rimanere nella tv pubblica e passare a Mediaset.

antonella-clerici-risposta-Un indizio, oltre alle voci di corridoio, sarebbe l’acquisto di una casa da parte di Antonella a Milano: “Antonella Clerici, la conduttrice che ha appena pubblicato libro di ricette La mia vita in cucina – racconta Ivan Rota per “Novella2000” – ha un contratto con la Rai che scadrà tra pochi mesi, Ora fa la spola tra Roma a Genova.
In Liguria vive il compagno, Vittorio Garrone, ma nelle interviste la Clerici spesso dice che vorrebbe tanto vivere in campagna. Allora perché avrebbe preso una casa a Milano, come da noi anticipato?
Forse il prossimo anno gli studi televisivi dove lavorerà saranno all’ombra della Madonnina e, quindi, in Mediaset?”.

Mara Venier: “Jerry Calà mi tradiva, alle nostre nozze l’ho beccato in bagno…”

È come un “libro aperto” la Mara Venier ospite nel salotto di “Verissimo”. L’ex signora della domenica si è raccontata in un’intervista di Silvia Toffanin portando alla luce dettagli del suo passato. Ha parlato soprattutto dei suoi amori: dal padre della figlia Elisabetta a Renzo Arbore e Jerry Calà.

3318423_1733_collage_2017_10_22Sull’attore racconta: “Con Jerry la vita era sempre un gioco. Lui me ne combinava di tutti i colori ed era un vero e proprio “puttaniere”, si può dire vero? Vabbè diciamo che era birichino… Ti dico solo che il giorno della nostra festa di matrimonio mentre tutti festeggiavano e Renato Zero cantava, lui è sparito. Io poi sono andata nei bagni e l’ho pizzicato con un’altra, non sai quante gliene ho date sia a lui che a lei. L’ho riempito di botte. Ma il nostro rapporto era così, poi lui si pentiva e tornava da me. Siamo stati insieme per 6 anni. Oggi è il mio più grande confidente e amico, ci sosteniamo nei momenti bui”.

Noemi, separazione da 6.000 euro: “Ma Berlusconi mi ha tranquillizzata”

Nel rispetto della clausola di riservatezza siglata in calce all’accordo di separazione con il marito Vittorio Romano, a cui intende ugualmente tener fede benché quelle cifre siano ormai di dominio pubblico, Noemi Letizia su un punto vuole fare chiarezza: «Per me non c’è neanche un euro. Tutto quello che Vittorio pagherà ogni mese è solo ed esclusivamente per i nostri due figli».

c676bf23-d0cb-4736-b74e-61a76b1d657e_mediumNiente per lei, Noemi?
«No. Il mio mantenimento non è previsto».

Come mai?
«Sono due le ragioni».

Quali?
«La prima è che pur di chiudere questa storia quanto prima e nella maniera più serena possibile, ho scelto di fare così altrimenti mi avrebbero fatto una guerra senza pari. La seconda è che sono giovane e capace di mantenermi da sola».

Ha già un lavoro?
«Me lo sto inventando».

Di che cosa si tratta?
«Ristorazione. Alla metà di novembre aprirò un locale, Mastri Pizzai, in piazza Bovio, sarà un vero e proprio tempio della pizza napoletana. Lo stesso che a Pasqua inaugurerò anche a Ischia, poi ho già in mente un paio di città del Nord».

Tutto da sola?
«No. Ho dei soci tra cui Antonio Siciliano che è già titolare del ristorante Zi Tore in viale Gramsci e del bar Napoli. Lavoreremo insieme, ci conosciamo da anni. L’ho rincontrato questa estate quando sono andata via da Cortina sapendo che con Vittorio era tutto finito. Antonio mi ha proposto questa avventura e ho accettato».

Lei di che cosa si occuperà?
«Ho disegnato il logo e sto lavorando alla campagna immagine. Poi sarò lì, è chiaro. Farò tutto quello c’è da fare: non posso sbagliare. Da quei locali dipenderà la mia vita futura».

Una domanda è inevitabile: i soldi per finanziare questa operazione dove li ha presi?
«Erano miei. Danaro che nel tempo avevo conservato più un contributo da parte di mio padre che per fortuna continua a sostenermi».

Naturalmente lo sa che già si dice che ad aiutarla è stato Berlusconi?
«Roba da ridere. Lo sport più diffuso, soprattutto in questa città, è quello di parlar male degli altri e fare insinuazioni di basso livello. Mi rendo conto che resto sempre un ottimo argomento anche se ormai sono anni che conduco una vita lontana da quel mondo».

A proposito di «quel mondo»: Berlusconi lo ha sentito?
«Io no. Mio padre sì».

Suo padre ha parlato con il cavaliere?
«Papà ha molto sofferto per questa storia, come è normale che sia per un genitore. Silvio lo ha rassicurato, gli ha detto tranquillo, ci sono passato due volte: sono cose che capitano, vedrai che poi tutto si metterà al meglio».

Più serena anche lei adesso?
«Me ne sto facendo una ragione. Ho capito che quando le cose non vanno meglio dividersi subito piuttosto che essere infelici tutta la vita».

Adesso che ha firmato l’accordo poi anche meglio…
«Di quello ho già detto che non posso parlare».

Lei no, ma Repubblica sì che ha pubblicato le cifre della vostra «consensuale». Nessun commento?
«No. Se non quello che in questi anni chi mi ha accusata di essermi sposata solo per interesse adesso dovrà ricredersi e magari anche chiedermi scusa: per me non c’è un centesimo e nessuno potrà dire il contrario. Senza contare che le cifre di cui si è parlato non sono manco quelle ma – ripeto – purtroppo non posso aggiungere altro».

Allora speriamo che le pizzerie abbiano successo.
«Certo, ci conto davvero, d’altronde le condizioni ci sono tutte. Altrimenti mi inventerò un’altra cosa. Senza lavoro non resto, non potrei più permettermelo».

Diceva che l’inaugurazione del primo locale è in programma alla metà di novembre. Francesca Pascale ci sarà?
«Non credo proprio. Non ci sentiamo da un po’. Ormai frequento un altro ambiente».

Però in occasione del battesimo di suo figlio andaste tutti ad Arcore. Un rapporto, almeno apparentemente, di grande affetto e cordialità tra di voi. Che cosa è cambiato?
«In quella occasione il mio ex marito aveva deciso che voleva scendere in politica e il tramite potevo essere solo io. Così andammo tutti lì. Da allora devo dire che la sua famiglia iniziò a essere molto più gentile con me».

Prima non lo era?
«Lasciamo perdere. Ormai è una storia chiusa, basta: guardo avanti e faccio finta di dimenticare. Quello che posso dirvi però è che presto scriverò un libro, l’ho già in mente e ho anche avuto più di una proposta. Un po’ di cose le racconterò lì».

E la politica? Il suo ex marito poi ci ha ripensato?
«Vittorio parla troppo, gliel’ho sempre detto. E in politica, quando si parla troppo, è facile bruciarsi. Non lo ha mai voluto capire».

«Cerco una Barbie… o un uomo». Rodrigo Alves, 58 operazioni per diventare il “Ken umano”

ROMA – «Ho fatto 58 operazioni, sono state tutte importante. Le più difficili sono state l’addominoplastica e il lifting facciale». Rodrigo Alves, businessman, balzato sulla pagine di cronaca come “Ken umano”, dopo essere entrato nel Guinness World Records, ha scelto Domenica Live per raccontare la sua storia.

3244989_1751_ken«Tutto il mio corpo è stato completamente rifatto, dalla punta dei capelli alla punta dei piedi, quindi non dovete credere a niente di quello che vedete perché è tutto falso. Sono molto felice. Le parti che mi piacciono di più sono addominali e glutei. Mi piace tutto. bisogna amare se stessi, altrimenti nessuno potrà amarci».
Gli ospiti in studio sono perplessi dai tanti interventi ma riconoscono la sua simpatia e intelligenza.
«Parlo cinque lingue, ho diversi master. E se assomiglio a Barbie – dice, rispondendo a chi lo accusa – chissà magari un giorno potrò diventare una donna. Nella vita dobbiamo assolutamente essere quello che vogliamo essere».
Mancano ancora due operazioni.
«Farò un altro trapianto di capelli, già ne ho fatti due, si tratta solo di un trapianto, non è chirurgia plastica».
Rodrigo sostiene che anche la D’Urso abbia fatto qualche ritocco e, quindi, la conduttrice lo invita ad avvicinarsi e controllare.
«È tutta vera», conclude Alves.
Poi si passa a parlare di relazioni.
«Sto cercando una Barbie o magari un Ken, magari qui in Italia».
Poi chiede un minuto per lanciare un messaggio importante.
«Quando la gente mi guarda, rimane scioccata per il mio aspetto, sono molto di più della mia immagine, ho sangue che pompa fino al cuore e un cervello. Sono più umano di quanto si possa immaginare. La mia storia nella chirurgia plastica è molto lunga, ho scritto un libro su questo, ma è solo un terzo di quello che sono e della mia vita».