Michelle Hunziker: “Pur di uscire dalla setta, ero disposta a morire”

In edicola domani su F, il settimanale femminile di Cairo Editore diretto da Marisa Deimichei, l’intervista a Michelle Hunziker, dal 4 dicembre alla conduzione di Striscia la Notizia e in pole position per affiancare Claudio Baglioni sul palco di Sanremo.

Foto Mario Cartelli/LaPresse 15-11-2017 Roma spettacolo Registrazione della seconda puntata del Maurizio Costanzo Show agli Studi Voxson. Nella foto: Michelle Hunziker

Oggi la showgirl è una quarantenne felice e appagata, ma nel 2003 la maga Clelia, Giulia Berghella, è entrata nella sua vita stravolgendola. Michelle ne parla nel libro appena uscito Una vita apparentemente perfetta, dove racconta la sua terribile esperienza. «In Italia ci sono 600 psicosette, di cui solo 32 in Lombardia, e la gente ci scivola dentro senza accorgersene».
Lei come ne è uscita? «A un certo punto mi hanno detto che sarei morta se fossi uscita dalla setta. Io però ho maturato un disagio tale che mi sono detta: se il prezzo da pagare è questo, va bene, muoio».
È vero che è stata la vicinanza di Clelia (Giulia Berghella) e del suo entourage a provocare la rottura con Ramazzotti, suo marito? «Eravamo già in piena crisi. Non siamo stati fortunati perché se avessimo avuto degli amici intorno magari avremmo potuto superarla. Ma magari no. Non ho rimpianti perché, alla fine, ho incontrato Tomaso».
Possibile che nessuno si sia accorto di come stava? «Antonio Ricci ha fatto di tutto per aiutarmi: mandava gli inviati di nascosto nello studio di Clelia ma lei è furba, li beccava sempre. A un certo punto Antonio ha capito che per manipolarmi lavoravano per distruggere la mia autostima (…) allora ha iniziato a farmi complimenti per le mie idee, a darmi carta bianca sul lavoro. E io ho cominciato a pensare che forse tanto schifo non facevo».
C’era tanta gente famosa nella setta. Perché solo lei parla? «Nessuno di quelli che sono stati dentro e ne sono usciti vogliono che si sappia, è un dolore troppo grande. Perché tanti pensano ancora che se qualcuno riesce a manipolare la tua mente significa che non sei molto intelligente».
Il 25 novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Oggi il tema caldo è quello delle molestie da parte di chi può cambiarti la vita professionale. A lei è mai successo? «Credo sia successo a tutte le donne. A me è capitato da ragazzina, anche se non sono caduta nel tranello. Ho perso dei lavori e ho chiuso con molte persone, ma non esiste un motivo valido per stare con un uomo che ti ricatta per il sesso perché diventi corresponsabile».

Rosy Abate, nella fiction spunta un numero di telefono: “Non era inventato, è di mio marito e ci hanno minacciato di morte”

Telefonate anonime e minacce di morte. Questo è quello che una coppia di Domodossola ha subito dopo la prima puntata della fiction andata in onda su Canale 5 “Rosy Abate” che racconta la storia di una donna di mafia che prova a rifarsi una vita lontano dalla Sicilia.
In una scena della fiction un criminale lascia un biglietto alla protagonista con un numero di telefono, peccato però che non fosse inventato ma appartenesse a un trentenne. «Quel numero esiste ed è di mio marito» spiega la signora di Domodossola a La Stampa, «Da ieri sera persone sconosciute ci stanno tempestando di telefonate, fino alle 4 di notte e di nuovo stamattina, per chiederci se siamo parenti di Rosy Abate, qualcuno ci dà dei mafiosi e c’è chi ci ha perfino minacciato».

rosy-1La coppia inizialmente ha pensato si trattasse di uno scherzo, ma poi ha capito che non era così e che la realtà aveva superato la fantasia.
A telefonare ai due, tra i vari, è stato uno spettatore della Basilicata, convinto che intestatario del numero fosse Rosy Abate e ha minacciato la donna. La signora ha risposto tutta la notte a chiamate minacciose sul telefono del marito, che è poi dovuto partire per un viaggio di lavoro in Svizzera, ma ha deciso di denunciare: «Non è possibile che una produzione tv non controlli se i numeri sono veri. La nostra privacy è stata violata. Mio marito è siciliano di origine, ma noi con la mafia non c’entriamo niente, siamo mica matti».

Benedetta Parodi a Domenica In sbaglia ricetta. E Antonella Clerici…

Per Benedetta Parodi non è un periodo facile. Auditel certifica il il quarto flop consecutivo di Domenica in e il nervosismo si nota proprio nel suo regno, ovvero la cucina.

maionese-benedetta-parodi-antonella-clerici-00-@-RaiPlayA Domenica in, la Parodi sbaglia la ricetta della maionese e il giorno dopo Antonella Clerici mette il dito nella piaga, facendo una battuta infuocata per la sorella di Cristina Parodi.
Domenica In, il programma condotto dalle Parodi, tocca il fondo nel momento in cui Benedetta, in cucina, sbaglia clamorosamente la maionese.
Tutta fiera di aver trovato una nuova ricetta su internet, si è ritrovata delusa ad osservare il disastroso risultato. La sua maionese è rimasta liquida, senza prendere l’aspetto cremoso di una ricetta realizzata a regola d’arte.
“E’ impossibile che non mi venga – ha dichiarato la presentatrice – mi viene sempre! È impossibile, porca miseria!”
Ma a mettere il dito nella piaga della povera Benedetta è una sua “collega” dei fornelli televisivi: Antonella Clerici, che lancia un’infuocata zeppatina all’ex conduttrice di Studio Aperto.
Durante la sfida iniziale della puntata de La Prova del Cuoco di ieri, lunedì 6 ottobre, un concorrente ha sbagliato un ingrediente. La Clerici allora, con un malizioso riferimento alla maionese impazzita della Parodi, ha chiosato: “Non mi far dire di più… sono tutti fenomeni! I cuochi e i conduttori, se sanno fare il proprio lavoro, vanno sempre visti in diretta e in piedi. Diffidate sempre di quello che vedete registrato, perché poi quando li vediamo in diretta è spesso un’altra storia, capito?”.

Noemi, separazione da 6.000 euro: “Ma Berlusconi mi ha tranquillizzata”

Nel rispetto della clausola di riservatezza siglata in calce all’accordo di separazione con il marito Vittorio Romano, a cui intende ugualmente tener fede benché quelle cifre siano ormai di dominio pubblico, Noemi Letizia su un punto vuole fare chiarezza: «Per me non c’è neanche un euro. Tutto quello che Vittorio pagherà ogni mese è solo ed esclusivamente per i nostri due figli».

c676bf23-d0cb-4736-b74e-61a76b1d657e_mediumNiente per lei, Noemi?
«No. Il mio mantenimento non è previsto».

Come mai?
«Sono due le ragioni».

Quali?
«La prima è che pur di chiudere questa storia quanto prima e nella maniera più serena possibile, ho scelto di fare così altrimenti mi avrebbero fatto una guerra senza pari. La seconda è che sono giovane e capace di mantenermi da sola».

Ha già un lavoro?
«Me lo sto inventando».

Di che cosa si tratta?
«Ristorazione. Alla metà di novembre aprirò un locale, Mastri Pizzai, in piazza Bovio, sarà un vero e proprio tempio della pizza napoletana. Lo stesso che a Pasqua inaugurerò anche a Ischia, poi ho già in mente un paio di città del Nord».

Tutto da sola?
«No. Ho dei soci tra cui Antonio Siciliano che è già titolare del ristorante Zi Tore in viale Gramsci e del bar Napoli. Lavoreremo insieme, ci conosciamo da anni. L’ho rincontrato questa estate quando sono andata via da Cortina sapendo che con Vittorio era tutto finito. Antonio mi ha proposto questa avventura e ho accettato».

Lei di che cosa si occuperà?
«Ho disegnato il logo e sto lavorando alla campagna immagine. Poi sarò lì, è chiaro. Farò tutto quello c’è da fare: non posso sbagliare. Da quei locali dipenderà la mia vita futura».

Una domanda è inevitabile: i soldi per finanziare questa operazione dove li ha presi?
«Erano miei. Danaro che nel tempo avevo conservato più un contributo da parte di mio padre che per fortuna continua a sostenermi».

Naturalmente lo sa che già si dice che ad aiutarla è stato Berlusconi?
«Roba da ridere. Lo sport più diffuso, soprattutto in questa città, è quello di parlar male degli altri e fare insinuazioni di basso livello. Mi rendo conto che resto sempre un ottimo argomento anche se ormai sono anni che conduco una vita lontana da quel mondo».

A proposito di «quel mondo»: Berlusconi lo ha sentito?
«Io no. Mio padre sì».

Suo padre ha parlato con il cavaliere?
«Papà ha molto sofferto per questa storia, come è normale che sia per un genitore. Silvio lo ha rassicurato, gli ha detto tranquillo, ci sono passato due volte: sono cose che capitano, vedrai che poi tutto si metterà al meglio».

Più serena anche lei adesso?
«Me ne sto facendo una ragione. Ho capito che quando le cose non vanno meglio dividersi subito piuttosto che essere infelici tutta la vita».

Adesso che ha firmato l’accordo poi anche meglio…
«Di quello ho già detto che non posso parlare».

Lei no, ma Repubblica sì che ha pubblicato le cifre della vostra «consensuale». Nessun commento?
«No. Se non quello che in questi anni chi mi ha accusata di essermi sposata solo per interesse adesso dovrà ricredersi e magari anche chiedermi scusa: per me non c’è un centesimo e nessuno potrà dire il contrario. Senza contare che le cifre di cui si è parlato non sono manco quelle ma – ripeto – purtroppo non posso aggiungere altro».

Allora speriamo che le pizzerie abbiano successo.
«Certo, ci conto davvero, d’altronde le condizioni ci sono tutte. Altrimenti mi inventerò un’altra cosa. Senza lavoro non resto, non potrei più permettermelo».

Diceva che l’inaugurazione del primo locale è in programma alla metà di novembre. Francesca Pascale ci sarà?
«Non credo proprio. Non ci sentiamo da un po’. Ormai frequento un altro ambiente».

Però in occasione del battesimo di suo figlio andaste tutti ad Arcore. Un rapporto, almeno apparentemente, di grande affetto e cordialità tra di voi. Che cosa è cambiato?
«In quella occasione il mio ex marito aveva deciso che voleva scendere in politica e il tramite potevo essere solo io. Così andammo tutti lì. Da allora devo dire che la sua famiglia iniziò a essere molto più gentile con me».

Prima non lo era?
«Lasciamo perdere. Ormai è una storia chiusa, basta: guardo avanti e faccio finta di dimenticare. Quello che posso dirvi però è che presto scriverò un libro, l’ho già in mente e ho anche avuto più di una proposta. Un po’ di cose le racconterò lì».

E la politica? Il suo ex marito poi ci ha ripensato?
«Vittorio parla troppo, gliel’ho sempre detto. E in politica, quando si parla troppo, è facile bruciarsi. Non lo ha mai voluto capire».

Alessia Marcuzzi: “Due figli con due uomini diversi. Ora ne ho sposato un altro, non riesco a placarmi”

ROMA – “Avevo lasciato tutto, anche la tv. Volevo solo sposarmi e fare la mamma. Ero la casalinga perfetta”, Alessia Marcuzzi torna al legame con Simone Inzaghi, da cui è nato il primo figlio Tommaso.

Alessia-Marcuzzi-Poi è arrivata Mia, nata dalla sua unione con Francesco Facchinetti e infine il matrimonio con Paolo Calabresi Marconi: “Ho avuto due figli con due uomini diversi – ha raccontato in un’intervista al Corriere della sera – ora sono sposata con un altro. Non ho fatto come mamma e papà, che si sono fidanzati a 16 anni e sono ancora insieme: un modello che mi piaceva ma non ho saputo replicare. Non riesco a placarmi”.
I figli crescono e il mestiere di mamma si complica: “A Tommaso ho dato il telefonino ma poi lo controllo. Gli ho installato l’app per vedere dove va: una volta ha saltato scuola e l’ho subito beccato. Mi ha detto: se lo facevi tu non ti scoprivano. Ha ragione. È tutto un lavoro di acceleratore e freno”.

Barbara d’Urso, prima serata e doppio amore: “Felicemente single, testa solo per il lavoro”

MILANO – Una doppia novità per Barbara d’Urso.
La conduttrice infatti sta raccogliendo ottimi ascolti col suo “Domenica Live” e presto per lei potrebbe arrivare una prima serata sull’ammiraglia Mediaset.

C_2_articolo_3101032_upiFoto1FDall’altra vengono “smontate” le sue love story, fra cui quella con Gerard Butler e il giovane Stefano Sala: “
Ottimi ascolti per Barbara d’Urso con Domenica Live e Pomeriggio 5, e presto potrebbe arrivare una prima serata – svela “Oggi” – Lei ha testa solo per il lavoro: è felicemente single e – a dispetto dei pettegolezzi – i soli ragazzi della sua vita sono i due figli”.

Uomini e Donne, su Soleil e Luca le parole choc di Raffaella Mennoia

Soleil Stasi e Luca Onestini, dopo le polemiche Raffaella Mennoia, storica redattrice di Uomini e Donne, scrive su Facebook:
“In merito alla vicenda che vede coinvolti alcuni ex partecipanti di Uomini e Donne ci tengo a dire che sono perplessa e dispiaciuta di certi comportamenti che mi lasciano stupita e incerta sull’attendibilità degli argomenti.

raffaella-mennoia-04Cosi come successo in passato in altre situazioni ci tengo a dissociarmi e ribadisco l’estraneità a vicende che avvengono fuori dai nostri studi e dal programma per il quale lavoro.
In poche parole se decidono di prenderci in giro lo fanno con noi come come voi! ciao buona domenica”.

Alessia Fabiani torna single: “I gemelli sono lʼamore più grande”

Stop all’amore e addio all’amicizia social. Tra Alessia Fabiani e Fabrizio Cherubini, manager nel campo della ristorazione e padre dei due gemelli della showgirl, Kim e Keira, 5 anni a novembre, è finita. Gli indizi social secondo Novella 2000 sono chiari: ora Alessia si dedica di giorno a fare la mamma e di sera l’attrice sul palco.

C_2_fotogallery_3083246_12_image“Viviamo in simbiosi: sono molto legata a loro e loro, ovviamente, sono molto legati a me. Sono il mio amore più grande. Con me condividono tutto, gioie e dolori” diceva la Fabiani qualche tempo fa quando ancora era legata a Cherubini. I due facevano coppia fissa dal 2009 e lei per amore si era trasferita da Milano a Roma. Nel 2012 sono nati i gemelli Kim e Keira. “Se non li ho accanto mi manca l’aria. Il teatro è arrivato in un momento bello, confacente ai miei impegni di mamma. Quando lavoro a Roma sono molto serena perché riesco a conciliare tutto. I bambini tra l’altro assorbono ogni emozione. Essere realizzata fa sì che assorbano il meglio” ha detto la Fabiani.

Iago Garcia: “Non torno più al Segreto, in Italia ho trovato lʼamore”

“Non tornerò al Segreto perché in Italia ho trovato l’amore”. Iago Garcia, che nella famosa soap opera interpreta il cattivissimo Olmo Mesia si confessa al settimanale “Spy”. Dopo aver trionfato a “Ballando con le stelle” nel 2016 ha capito che la danza era nel suo Dna tanto che ora l’attore 38enne è innamoratissimo di una ballerina, la 22enne Eleonora Puglia.

C_2_articolo_3099120_upiImageppLa coppia sta insieme da due anni: “Ci siamo conosciuti per lavoro, dovevamo fare un film insieme e poi non è andato in porto. E’ stato un colpo di fulmine. Ci siamo piaciuti sin da subito, è stata una conquista da entrambi le parti. Penso che Eleonora sia la donna della mia vita”.
Il Segreto, che gli ha regalato una grandissima popolarità, sembra acqua passata: “E’ stata una meravigliosa esperienza. Ricordo tutti come una grande famiglia. Dopo il mio destino è cambiato. Non ultimo mi ha permesso di essere conosciuto e di lavorare in Italia”. Dove ha trovato anche il grande amore.

Luca Argentero e Cristina Marino coppia al bivio: “Non vuole essere la fidanzata part-time”

MILANO – Finita la lunga love story con Miryam Catania, ora incinta del suo nuovo fidanzato francese, Luca Argentero ha ritrovato il sorriso a fianco della giovane collega Cristina Marino.

luca-argentero-marino-sguardoLa coppia ha fatto il suo debutto ufficiale, ma sembra che ora stiano sorgendo alcuni problemi legati alla quantità di tempo che io due trascorrono insieme: “All’AmfAR Gala, a Milano, appena qualche settimana fa, Luca Argentero e Cristina Marino hanno fatto il loro debutto di coppia – fa sapere la rubrica “Sussurri fra divi” di “Diva e donna” – per la prima volta si sono infatti lasciati fotografare sul red carpet e hanno partecipato, da fidanzati ufficiali, a un evento.
È accaduto a circa un anno e mezzo dalla nascita del loro amore. Ma c’è un retroscena: qualcosa pare che stia rallentando loro storia d’amore. In procinto di prendere l’ennesimo treno, da sola, alla stazione di Milano, la Marino si è lamentata … Parlando con un’amica si è detta dispiaciuta perché passerebbe troppo poco tempo con il suo Luca. È un amore part-time? Magari è solo “colpa” del lavoro che per entrambi resta una priorità”.